Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mazara del Vallo, il comandante dell'Aliseo: "Se non lo dissequestrano mi incateno"
LA PROTESTA

Mazara del Vallo, il comandante dell'Aliseo: "Se non lo dissequestrano mi incateno"

Giuseppe Giacalone, rimasto ferito dopo che la sua imbarcazione è stata mitragliata da una motovedetta libica ha annunciato l'intenzione di volersi incatenare davanti la Capitaneria se il suo peschereccio non verrà dissequestrato in tempi brevi

Se il suo peschereccio non verrà dissequestrato in tempi brevi, ha annunciato l'intenzione di volersi incatenare davanti la Capitaneria di porto di Mazara del Vallo. Per il comandante dell'Aliseo, Giuseppe Giacalone, rimasto ferito dopo che la sua imbarcazione è stata mitragliata il 6 maggio scorso da una motovedetta libica, quello che potrebbe verificarsi è una beffa oltre che il danno. Perché da mercoledì il motopesca dovrebbe essere già nelle acque maltesi per un nuovo lavoro.

La società dell'armatore Alessandro Giacalone (figlio del comandante), infatti, ha già firmato, mesi addietro, un contratto con una società di Malta per il traino delle gabbie di tonni. E per questo dovrebbe essere impiegato proprio il motopesca 'Aliseo'. Il mezzo, però, è ormeggiato al porto di Mazara del Vallo, in attesa che il Ris dei carabinieri effettui alcuni sopralluoghi tecnici su delega della Procura di Roma che ha aperto un'inchiesta dopo il mitragliamento da parte della Guardia Costiera libica. "Rischiamo di perdere tutto e pagare le penali se non ottemperiamo al contratto - ha detto il comandante Giacalone - tutto il mio equipaggio ha necessità di lavorare e non possiamo permetterci di stare fermi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook