Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Si finge ufficiale giudiziario per vendere finte auto all'asta: ai domiciliari 36enne di Catania
GUARDIA DI FINANZA

Si finge ufficiale giudiziario per vendere finte auto all'asta: ai domiciliari 36enne di Catania

A Enrico Cantone la Procura contesta "la perpetrazione sistematica di reati contro il patrimonio in danno di svariati soggetti e contro la fede pubblica". Undici le persone che lo hanno denunciato

Un falso ufficiale giudiziario che inscenava fittizie vendite all'asta di automobili, su inesistenti incarichi del Tribunale, è stato arrestato e posto ai domiciliari dai militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Catania, in esecuzione di un'ordinanza del Gip.
A Enrico Cantone, 36 anni, la Procura contesta "la perpetrazione sistematica di reati contro il patrimonio in danno di svariati soggetti e contro la fede pubblica".

L'uomo, come ricostruito le Fiamme gialle, si era accreditato tra conoscenti e parenti come ufficiale giudiziario fornendo alle persone interessate all'acquisto ogni utile dettaglio sulle caratteristiche e peculiarità delle automobili messe all'asta. Inoltre, per rendere ancor più credibile il suo operato, Cantone richiedeva pagamenti tramite bonifico per rendere tutto tracciato e verosimile. Per far credere di essere un pubblico ufficiale esibiva inoltre un distintivo con la dicitura "Ufficiale Giudiziario", usurpandone il titolo.

Numerosi sono stati gli atti falsificati a regola d'arte con sigilli dello Stato, emblema della Repubblica Italiana e timbri degli uffici giudiziari. Undici sono state le persone che hanno denunciato il truffatore per le vendite simulate di autovetture e  oltre 100 mila euro è la somma ricavata dal giro fraudolento durato circa due anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook