Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pnrr: alla Sicilia 116 mln per rigenerazione urbana. Dal progetto "pilota" di Messina a "Librino città moderna"
RIGENERAZIONE URBANA

Pnrr: alla Sicilia 116 mln per rigenerazione urbana. Dal progetto "pilota" di Messina a "Librino città moderna"

Sono otto (su 23 ritenuti ammissibili) i progetti di rigenerazione urbana e di edilizia residenziale pubblica presentate dalla Regione o da Comuni e città metropolitane siciliane finanziati con fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e da residui 2019 e 2020 per attuare il Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare (PinQua). La somma destinata alla Sicilia supera i 116 milioni di euro. Tra i progetti vi è anche quello "pilota" ad alto rendimento di Messina (99 milioni), a cui vanno aggiunti anche altri 28 mln e mezzo di euro per le due proposte per il risanamento del quartiere santissima Annunziata con la demolizione delle baraccopoli, la costruzione di edifici residenziali, aree verdi, creazione di servizi e centro per anziani oltre all’acquisizione di 140 alloggi al patrimonio della città.

A Trapani vanno 30 milioni di euro per interventi di rinascita nel rione Cappuccinelli e la trasformazione dell’ex mattatoio in campus del Mediterraneo. A Catania vanno oltre 14 milioni e mezzo di euro per il progetto «Librino città moderna» volto alla riduzione del disagio abitativo, a incrementare la disponibilità di alloggi e a recuperare la socialità. A Gela (Caltanissetta) vanno circa 30 milioni di euro per due progetti «Abitare in qualità» e «Gela tra arte, cultura e mare» con interventi per rigenerare il tessuto socio economico migliorare la coesione sociale, migliorare la sicurezza e trasformare la cittadina in una vera e propria «Smart city». L’ultimo progetto approvato è quello della Regione siciliana «Smart city delle Aci» e nasce da un accordo tra i comuni di Acireale, Acicatena, Aci Sant'Antonio, Aci Bonaccorsi e Valverde. Sono previsti la realizzazione di 50 alloggi , Centro diurno per anziani, un Polo culturale e sociale attraverso il recupero e la rifunzionalizzazione dell’ormai abbandonato Convento del Carmine, 29 km di pista ciclabile e la rifunzionalizzazione a Valverde di un parco attualmente in disuso da destinare ad attività ludiche e sportive.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook