Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, la A18 può riaprire venerdì. Ma tutto dipende dalla pioggia
VIABILITÀ

Messina, la A18 può riaprire venerdì. Ma tutto dipende dalla pioggia

di
Anche tre ore per percorrere i venti km fra Roccalumera e Tremestieri
messina, strada statale 114, viabilità, Sicilia, Cronaca
Le file sulla strada statale 114

Un lungo serpertone di auto da Scaletta a Messina. Ecco come si presentava ieri mattina e ieri sera, anche a senso inverso, la strada statale 114 diventata l’unico via di transito per attraversare l’area jonica. Gli automobilisti, fra le 7 e le 9, hanno impiegato anche due ore e trenta per coprire quei venti chilometri. Il passaggio fra Itala e Scaletta è stato l’imbuto che ha creato più rallentamenti. La strada in quei tratti è particolarmente stretta e le curve secche hanno reso difficoltoso anche solo il passaggio contemporaneo dei pullman di linea e delle auto o dei furgoni che viaggiavano nel senso inverso. Altro punto caldo e motivo di rallentamento, quello di Santa Margherita. La serie di semafori, ovviamente, allunga le code e sono dovuti intervenire i Vigili urbani, in seconda mattinata, per fluidificare il traffico. Tutto questo perché l’autostrada è impercorribile dalle 18 di lunedì, quando il Consorzio Autostrade ne ha deciso la chiusura a seguito del cedimento di un grosso masso dalla sommità della collina che sovrasta la corsia lato mare. Precauzionalmente e per eseguire le verifiche sulle condizioni del costone è scatta l’inibizione della carreggiata, ma, proprio in questo periodo, anche l’altra è inutilizzabile perchè è in corso il rifacimento del manto stradale. Il Consorzio autostrade aveva stimato in una decina di giorni il tempo necessario per poter riaprire la carreggiata sulla quale sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria. «Parlando con l’azienda che se ne sta occupando – ha detto Salvatore Minaldi, direttore generale del Cas – siamo arrivati alla convinzione che venerdì o al massimo sabato mattina la carreggiata lato monte possa essere aperta. I lavori di bitumazione saranno accelerati al massimo e, appena saranno terminati, tutto il flusso sarà indirizzato in un doppio senso che alleggerirà la viabilità locale. L’unica incognita è il maltempo. Se dovesse continuare a piovere la bitumazione all’aperto è praticamente impossibile e il programma potrebbe saltare. Invece, per le verifiche e i primi lavori sul costone dal quale è caduto il masso da due quintali, ci vorrà più di un mese: dovremo posizianare una barriera paramassi e una rete armata su un fronte di 150 metri».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook