Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Aborto quasi impossibile negli ospedali siciliani, interrogazione all'Ars
IL CASO

Aborto quasi impossibile negli ospedali siciliani, interrogazione all'Ars

Riequilibrare il numero dei medici non obiettori di coscienza con quelli obiettori negli ospedali siciliani, e garantire alle donne l’effettivo diritto di scegliere liberamente se e quando essere madri: lo chiedono i parlamentari del Movimento 5 Stelle e del Pd, insieme ai deputati Claudio Fava e Valentina Palmeri, attraverso un’interrogazione all’Ars. L'iniziativa, che nasce da una petizione lanciata dalla "Rete Consultiva delle donne Trapani" e si unisce alle interrogazioni già presentate alla Camera e al Senato, punta ad una piena e corretta applicazione della legge 194/78 sulla tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza.

"In Sicilia - proseguono - ci sono alcune città in cui la legge 194 rischia di non trovare applicazione; secondo l’ultimo report del ministero della Salute, il dato delle interruzioni di gravidanza in Sicilia è risultato in discesa nel 2020 (4.920) rispetto al 2019 (5.281) e anche rispetto agli anni precedenti. Una tendenza sulla quale è ragionevole pensare che abbia influito la difficoltà di ricorrere all’interruzione di gravidanza, ma che potrebbe addirittura celare il rischio che molte donne facciano ricorso a strutture clandestine. Ad oggi, l’interruzione volontaria della gravidanza farmacologica con Ru486 è possibile solo in otto strutture in tutta la Sicilia. Tutto questo - concludono - equivale a negare il fondamentale diritto di scelta da parte della donna previsto dalla legge 194, che è stata una conquista di civiltà e che va tutelata degnamente".

"In Sicilia - evidenziano i parlamentari - i principi sanciti dalla 194 sono costantemente messi in discussione a causa del fenomeno dell’obiezione di coscienza da parte di medici, anestesisti, ostetriche e operatori socio-sanitari, che resistono all’interruzione di gravidanza farmacologica. I dati lo dimostrano: nella nostra regione, cinque ginecologi su sei sono obiettori di coscienza; dai dati del 2019 il tasso dei medici obiettori era dell’85,8%, a cui va aggiunto quello degli anestesisti che è pari al 73,1%. Attraverso il nostro atto parlamentare chiediamo al governo regionale se stia pensando a forme di mobilità del personale medico e di reclutamento differenziato proprio per equilibrare, sulla base dei dati disponibili, il numero degli obiettori e dei non obiettori, anche bandendo concorsi riservati a ginecologi non obiettori. Inoltre evidenziamo la necessità di potenziare i consultori, che hanno un ruolo centrale nell’assistenza della donna in stato di gravidanza e proponiamo campagne di informazione mirate soprattutto a scuole, mediatori culturali e comunità straniere".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook