Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crack davanti alle scuole di Palermo e minacce alle forze dell'ordine, 12 arresti
ALLA LUCE DEL SOLE

Crack davanti alle scuole di Palermo e minacce alle forze dell'ordine, 12 arresti

Sgominata una banda che, nel quartiere palermitano di Passo di Rigano, gestiva un vasto giro di cocaina, crack, hashish e marijuana con guadagni stimati in circa 500 mila euro l’anno. Proventi che servivano anche per sostenere le spese legali dai detenuti

Droga di ogni tipo davanti alla scuola e minacce (vane) ai carabinieri perchè allentassero i controlli: blitz a Palermo. Lo spaccio avveniva alla luce del sole, anche davanti alla Media del quartiere. I militari della compagnia di Monreale hanno sgominato una banda che, nel quartiere palermitano di Passo di Rigano gestiva un vasto giro di cocaina, crack, hashish e marijuana con guadagni stimati in circa 500 mila euro l’anno. Proventi che servivano anche per sostenere le spese legali dai detenuti. I carabinieri, nell’ambito dell’operazione «Carthago» hanno eseguito stanotte una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 12 persone - 6 in carcere e altrettanti agli arresti domiciliari - accusati di produzione, traffico e detenzione illecite di sostanze stupefacenti. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Palermo su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

Nel corso delle indagini - sviluppate tra il settembre 2018 e aprile 2020 - i carabinieri, oltre allo spaccio nella villetta comunale antistante la scuola media Buonarroti (per cui il gip ha riconosciuto l’aggravante), hanno potuto verificare come la vendita degli stupefacenti avvenisse anche nel fitto reticolo di strade e viuzze del quartiere. Il gip inoltre, ha rilevato gravi indizi riguardo l’utilizzo della violenza e dell’intimidazione.

In un caso ci sarebbe stato il pestaggio di un acquirente, 'colpevole' di avere causato l’arresto di uno loro con le sue dichiarazioni. Pestaggio subito anche dal padre cinquantunenne intervenuto a difesa del figlio aggredito in strada. A subire una intimidazione sarebbe stato un militare dell’Arma, avvicinato da uno degli indagati che avrebbe rivolto «velate minacce», «invitandolo» ad alleggerire la presenza dell’Arma nella zona. Invece, la pressione contro lo spaccio non si è mai fermata: nel corso dell’attività sono state arrestate in flagranza di reato 9 persone, segnalati alla prefettura 20 acquirenti e sequestrate circa 500 dosi di stupefacente.

«L'operazione Carthago è il frutto della costante azione di contrasto al grave fenomeno del traffico di stupefacenti che i carabinieri del Comando provinciale di Palermo conducono, senza sosta, attraverso l’incessante azione di controllo del territorio e la capillare presenza su tutta la provincia, con particole riferimento alle aree ed ai quartieri più disagiati».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook