Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mazzetta da 35mila euro al Policlinico di Messina: arrestato un architetto
POLICLINICO MESSINA

Mazzetta da 35mila euro al Policlinico di Messina: arrestato un architetto

Il direttore dei lavori del progetto è accusato di avere avanzato insistenti richieste 'concussive' nei confronti di una ditta della provincia di Palermo
coronavirus, policlinico, tangente, Sicilia, Cronaca
Il policlinico "G. Martino" di Messina

Una tangente nella gestione dell’emergenza Covid. Trentacinquemila euro chiesti in cambio dell’approvazione di una variante per i lavori di realizzazione di 16 posti di terapia intensiva del Policlinico «G. Martino» di Messina, finanziati dall’ufficio del commissario delegato per l’emergenza Covid della Regione Siciliana. La richiesta di denaro è rimasta inevasa solo perché il procuratore speciale della ditta incaricata di realizzare l’opera ha denunciato alla magistratura, e sono scattate le manette. Con l’accusa di tentata concussione i carabinieri della compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato in flagranza di reato l’architetto Daniele Inserra, direttore dei lavori del progetto: è accusato di avere avanzato insistenti richieste 'concussive' nei confronti della ditta Leil Costruzioni, srl di Partinico (Palermo).

Il ruolo di Inserra

Dalle indagini è emerso che Inserra avrebbe prima posto in essere una condotta «artatamente ostruzionistica» nei confronti della società appaltatrice non approvando il prezziario proposto dalla ditta per i lavori di variante, e in seguito avrebbe esplicitato la sua intenzione di approvare i prezzi proposti in cambio della consegna di 35 mila euro. Alla netta opposizione della ditta, che faceva presente come la società non si fosse mai prestata ad ottenere lavori pubblici in cambio di tangenti, l’indagato avrebbe proposto di mascherare l’esborso di denaro tramite l’affidamento da parte della ditta di una consulenza fittizia ad un tecnico di sua fiducia nell’ambito dello stesso progetto. Inserra avrebbe garantito la perizia di variante dei lavori lo stesso giorno della firma, da parte della ditta, dell’incarico al tecnico indicato dall’indagato ma, il giorno in cui l’architetto si è recato presso gli uffici della Leil Costruzioni portando con sé copia dell’incarico peritale già firmato dal professionista di sua fiducia, ha trovato ad attenderlo i carabinieri. L’architetto Inserra, durante l’interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso la propria responsabilità per gli addebiti contestati. Il gip del tribunale di Catania ha convalidato l’arresto e concesso la misura degli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook