Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia: le mani sul cemento a Favignana, sequestrati beni a un imprenditore colluso
200 MLN DI EURO

Mafia: le mani sul cemento a Favignana, sequestrati beni a un imprenditore colluso

Sicilia, Cronaca
Favignana

Beni per 200 mila euro sequestrati a un imprenditore colluso con la mafia su ordine della Sezione Misure di prevenzione del tribunale di Trapani. Le indagini dei finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo hanno consentito di ricondurre all’imprenditore, arrestato nel 2019 nel'operazione «Scrigno», un patrimonio immobiliare e mobiliare che sarebbe legato agli affari gestiti negli ultimi anni per conto delle famiglie mafiose di Trapani e di Marsala sull'isola minore di Favignana, soprattutto nel settore dei lavori edili. A conclusione del giudizio abbreviato, era stato condannato nel novembre del 2020 dal Tribunale di Palermo a otto anni e quattro mesi di reclusione per concorso in associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori. Sigilli sono stati apposti a una società nel centro di Marsala e a rapporti bancari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook