Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ministro Speranza contestato a Palermo: accolto da urla, cori e scritte no vax
LA PROTESTA

Ministro Speranza contestato a Palermo: accolto da urla, cori e scritte no vax

Scritte No-vax contro il ministro alla Salute, Roberto Speranza, oggi a Palermo, a Villa Filippina, e colla nei lucchetti. «Speranza boia nazi» si leggeva nelle scritte trovate stamane nel muro accanto allo spazio pubblico dove era previsto un incontro con il ministro a sostegno del candidato del centrosinistra. Scritte poi cancellate dagli operai della Reset inviati dal Comune. Indaga la Digos. Dura condanna del candidato del centrosinistra Franco Miceli: «Un segnale inquietante, figlio di una cultura mafiosa, distruttiva e minacciosa. Esprimo la mia totale solidarietà al ministro Speranza, vittima di queste orribili intimidazioni, e nei confronti dei gestori di villa Filippina, spazio di confronto culturale politico e civico. Auspico che tutte le forze democratiche della città facciano lo stesso, anche quei partiti e movimenti che a destra hanno strizzato l’occhio ai violenti e ai novax. Gli atti vandalici di cui restano impronte a villa Filippina, la colla nel lucchetto e il tentativo di impedire l’ingresso al pubblico in uno spazio aperto alla città tutta sono gesti vili e ricattatori che originano da una cultura nella quale Palermo non si riconosce». Twitta il candidato del centrodestra Roberto Lagalla: «Le scritte apparse oggi all’ingresso di Villa Filippina sono inqualificabili, indegne, da condannare senza se e senza ma. La vera Palermo ha assunto atteggiamenti responsabili e coscienziosi nel contrasto al Covid». C'era ai cancelli di Villa Filippina insieme a dei supporter anche la candidata no-vax Francesca Donato «per porre tre domande:quale base scientifica si per l’obbligo dei sanitari di fare la quarta dose allo scadere di 90 giorni dalla guarigione; che succede alle milioni di dosi acquistate e non somministrate, inefficaci rispetto alle nuove varianti e se è vero che la correlazione degli effetti avversi viene automaticamente esclusa si manifestano oltre i 14 giorni dalla somministrazione». «Mi auguro vengano presto identificati gli autori di questo vile gesto», è l’auspicio del sindaco Leoluca Orlando.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook