Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, restituiti tutti i beni confiscati all’imprenditore Giuseppe Lo Re
LA DECISIONE

Messina, restituiti tutti i beni confiscati all’imprenditore Giuseppe Lo Re

di
La decisione della Corte d’appello di Reggio Calabria dopo il rinvio della Cassazione
Sicilia, Cronaca
L'imprenditore di Caronia Giuseppe Lo Re e il locale “Dubay Night Club”

«Sulla scorta delle emergenze del procedimento non è possibile formulare un giudizio di pericolosità sociale nei confronti del proposto». Lo hanno scritto i giudici della Corte d’appello di Reggio Calabria, che con un lungo provvedimento hanno disposto la restituzione dei beni all’imprenditore 60enne di Caronia Giuseppe “Pino” Lo Re, un patrimonio del valore di circa un milione e mezzo di euro, e hanno anche rigettato la proposta di sorveglianza speciale a suo carico con obbligo di soggiorno.
Il collegio reggino presieduto dal giudice Bruno Muscolo e composto dai colleghi Caterina Asciutto e Antonino Giacobello, quest’ultimo estensore del provvedimento, ha deciso dopo un rinvio della Cassazione datato 2018, che a sua volta aveva annullato una decisione della Corte d’appello di Messina del luglio 2017.
Il punto centrale della questione è uno: le “notizie” relative alla presunta contiguità di Lo Re con i gruppi mafiosi di Caronia e Mistretta - scrivono i giudici nel decreto -, sono molto datate e non più rapportate all’attualità, e in ogni caso l’imprenditore da parecchi procedimenti ha registrato assoluzioni o archiviazioni ancora prima di andare a processo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook