Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Soldi e truffe per aggirare le interdittive antimafia: 13 arresti tra Catania e l'Ennese
FINANZA

Soldi e truffe per aggirare le interdittive antimafia: 13 arresti tra Catania e l'Ennese

Sequestrate 4 aziende agricole ennesi, per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro.

Le mani sui contributi all’agricoltura e truffe per aggirare l’interdittiva antimafia. Tredici gli arresti eseguiti dai finanzieri della Tenenza di Nicosia che hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Caltanissetta. Contestuale il sequestro di beni, denaro e 4 aziende agricole ennesi, per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro.

Contestati dalla Dda di Caltanissetta, i reati di interposizione fittizia, truffa, falso, reimpiego di capitali illeciti, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Reati commessi a Centuripe, Regalbuto, Troina, Adrano, Catania, e Randazzo.

Tra i sette destinatari della custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione denominata «Carta bianca», c'è un avvocato del Foro di Catania, l’ex direttore dell’azienda silvo-pastorale di Troina; altri sei sono stati posti ai domiciliari. Sono accusati di avere fittiziamente attribuito la titolarità delle loro aziende e di proprietà immobiliari per continuare a percepire i contributi erogati nell’ambito della Pac, aggirando così l’interdittiva antimafia a loro carico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook