Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, pignoramenti e debiti al CAS: i sindacati preoccupati chiamano in causa Schifani

Messina, pignoramenti e debiti al CAS: i sindacati preoccupati chiamano in causa Schifani

Sicilia, Cronaca
Consorzio autostrade

 

Le Organizzazioni sindacali Filt Cgil , Fit Cisl , Uiltrasporti, Sla Cisal , Cub Trasporti e Lata di Messina manifestano nuovamente forti preoccupazioni per lo stato economico finanziario del Consorzio Autostrade Siciliane e per il futuro dei 300 dipendenti dell’ente . In questi giorni abbiamo appreso dalla stampa - dichiarano i sindacati- come a seguito sentenza definitiva il Consorzio Autostrade Siciliane abbia subito un pignoramento, presso la tesoreria dell’Unicredit , di 6.9 milioni di euro per crediti vantati dall’Impresa International Factor Italia. Di fatto il credito iniziale dell’impresa era per un importo inferiore pari 4.5 milioni di euro e poi lievitato in sentenza per interessi e spese legali .
Siamo esterrefatti e preoccupati - continuano i sindacati - principalmente per la situazione economica dell’ente che non vorremmo avesse difficoltà persino ad erogare gli stipendi ai dipendenti , ma anche per le modalità gestionali che hanno comportato, visto il ricorso legale , un ulteriore danno al Consorzio che si è visto lievitare il credito iniziale di ulteriori 1,4 milioni comportando un potenziale danno erariale. Ad accentuare le preoccupazioni dei sindacati è anche la notizia giunta a mezzo stampa dalla società Toto Costruzioni, secondo la quale il CAS non sarebbe in regola con i pagamenti per i lavori eseguiti nel cantiere del viadotto Ritiro per i quali la ditta sarebbe esposta per circa 10 milioni di euro su un valore complessivo del contratto pari a circa 45 milioni.
Auspichiamo un intervento autorevole del nuovo Presidente della Regione che porti da subito un cambio di passo gestionale al Cas- concludono i sindacati - che assicuri un rilancio del servizio all’utenza e la ripresa delle trattative sindacali sul futuro dell’ente e i diritti dei lavoratori da tempo inspiegabilmente interrotte .

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook