Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rifiuti in Sicilia, la ricetta di Schifani: "Subito termovalorizzatori e rotazione dirigenti"
AMBIENTE

Rifiuti in Sicilia, la ricetta di Schifani: "Subito termovalorizzatori e rotazione dirigenti"

Sicilia, Cronaca
Renato Schifani

Un atto di indirizzo per far ruotare preventivamente i dirigenti della Regione e due termovalorizzatori. E’ la ricetta del presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, per bloccare tangenti e emergenze nel settore dei rifiuti.
L’annuncio di Schifani, fatto oggi in un’intervista a Repubblica, giunge il giorno dopo la notizia di misure cautelari nei confronti di un funzionario regionale che si sarebbe adoperato per agevolare il rilascio di autorizzazioni ambientali a un imprenditore siciliano attivo nel settore dei rifiuti.

Quest’ultimo, avrebbe investito in cambio, direttamente o per il tramite di familiari e imprese a lui riconducibili, un milione di euro in due società con sede a Milano impegnate in attività di trading finanziario, amministrate dal figlio del pubblico funzionario; avrebbe individuato ulteriori investitori al fine di ampliare il portafoglio clienti delle società di investimento e garantire una maggiore visibilità e una crescita significativa dei capitali investiti, consentendo al figlio del pubblico funzionario di ottenere rilevanti compensi dalla sua attività di amministratore. «Tutti i dirigenti responsabili dei dipartimenti e degli uffici della Regione - spiega Schifani al quotidiano - saranno invitati ad assicurare ad assicurare il più che rigoroso rispetto delle misure previste dal piano Anticorruzione» e «servono rotazioni a scopo preventivo per evitare incrostazioni negli uffici».

Quanto all’emergenza rifiuti, il presidente della Regione sottolinea: «Assicurerò subito le procedure per realizzare» i termovalorizzatori. Dove? «Quello di Catania - risponde - mi lascia sereno, nell’acciaieria. Su Gela verificherò se la procedura è in fase avviata. Il mio obiettivo è non sfidare il territorio». «La mia idea rimane quella» di un termovalorizzatore a Palermo «ma il mio dvere è verificare se la procedura per Gela è in fase avviata. Se ripartire da Palermo fa perdere un anno, preferisco Gela».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook