Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sicilia, Gennuso si autosospende dalla carica di vicepresidente commissione antimafia
INDAGATO

Sicilia, Gennuso si autosospende dalla carica di vicepresidente commissione antimafia

Il vicepresidente della Commissione regionale antimafia siciliana Riccardo Gennuso (Fi), si è autosospeso dalla carica «dopo una lunga interlocuzione con il presidente Antonello Cracolici per il rispetto che ho per lo stesso organismo». La notizia, pubblicata da alcuni organi di stampa, fa seguito alle polemiche sollevate dopo che si era appreso che l’esponente di Forza Italia è indagato assieme al padre, l’ex deputato regionale Pippo Gennuso, per estorsione nei confronti dei dipendenti nell’ambito di una inchiesta della Procura di Palermo sulla gestione di una sala bingo.

A sollecitare ieri le dimissioni di Gennuso era stato l’altro vice presidente della Commissione Ismaele La Vardera e il M5s, oltre all’Associazione per onorare la memoria dei caduti nella lotta alla mafia che per prima aveva sollevato la vicenda esprimendo perplessità sulla reale utilità dell’organismo. Dal canto suo Riccardo Gennuso replica alle accuse ricordando «di avere denunciato un capomafia di Palermo che risponde al nome di Cosimo Vernengo, condannato a 9 anni" e dice di essere pronto a presentarsi davanti al pm di Palermo per rendere dichiarazioni spontanee, nell’ambito del processo sulla vicenda che si sta celebrando da cinque anni nel capoluogo siciliano. «Sono sereno e consapevole di non avere commesso alcun reato. Se fosse stato il contrario - sottolinea Gennuso -, non avrei minimamente accettato la carica della Commissione speciale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook