Domenica, 20 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Beni culturali in Sicilia: Lillo Alessandro "tesoro umano vivente" per il patrimonio etnomusicologico
TRADIZIONI

Beni culturali in Sicilia: Lillo Alessandro "tesoro umano vivente" per il patrimonio etnomusicologico

Con nomina nuova Commissione ricomincia l’attività in Sicilia
Sicilia, Cultura
Lillo Alessandro

È ricominciata l’attività di valutazione delle richieste di riconoscimento e iscrizione del patrimonio immateriale della Sicilia ai fini dell’inserimento all’interno del Reis, il Registro delle eredità immateriali della Sicilia. La ripresa dei lavori è stata determinata dalla nomina della nuova Commissione di valutazione, istituita dall’assessore dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Alberto Samonà. Le eredità immateriali sono definite dall’Unesco "Intangible Cultural Heritage». «Il patrimonio immateriale - spiega Samonà - è caratterizzato da una grande vulnerabilità che oggi, nel rapporto con i mezzi di comunicazione di massa, vive un rapporto complesso: da un lato il rischio della conformazione espressiva e della globalizzazione culturale, dall’altro vede nei nuovi media uno strumento di divulgazione che consente la possibilità di esaltare la conoscenza di realtà altrimenti destinate all’oblio».

Il Registro si compone di sei libri così distinti: Celebrazioni, feste e pratiche rituali; Mestieri, saperi e tecniche; Dialetti, parlate e gerghi; Pratiche espressive e repertori orali; Tesori umani viventi; Spazi simbolici. Nella seduta del 12 maggio scorso sono state approvate 9 istanze di iscrizione, che hanno riconosciuto come patrimonio immateriale le seguenti attività: L’Arte del carretto siciliano (richiesta formulata dal Museo regionale di Palazzo d’Aumale); Antonio Rigoli, Scalpellino di Ucria; Letterio Alessandro, detto Lillo Alessandro, poeta e scrittore di Messina, che viene riconosciuto come tesoro umano vivente per l’attività di recupero e trascrizione del patrimonio etnomusicologico siciliano; «Borgo Pantano», antico insediamento ebraico nel comune di Rometta (Messina); i «Cuddrireddra» di Delia, antica tradizione della pasticceria di origine islamica; la ricamatrice "Maria Anna Bonaffini" di Caltanissetta, a salvaguardia dell’arte del tombolo, del macramè; Festa di San Calogero/Sagra dei pupi del pane di Campofranco (Caltanissetta); Festa patronale del Santissimo Salvatore» di Militello Val di Catania, che si svolge il 18 agosto; Tappeti di arte effimera, di fiori, sale, sabbie e altri elementi naturali, a Noto (Siracusa). «Da direttrice del Centro per l’inventario la catalogazione e la documentazione della Regione - dice Laura Cappugi - ringrazio l'assessore Samonà per avere dato nuovo impulso all’implementazione del Catalogo delle espressioni della cultura immateriale, istituito nel 2005 e di cui il Centro ha curato il coordinamento e le azioni di promozione e pubblicazione sul web».

Chi è Lillo Alessandro

Lillo Alessandro, messinese, profondo conoscitore delle tradizioni, dello spirito e dell’animo popolare, è direttore del gruppo folklorico “Canterini Peloritani”, con i quali ha visitato i cinque continenti facendo conoscere ovunque la cultura siciliana, esibendosi davanti alle più importanti personalità politiche e religiose e partecipando alle più significative manifestazioni di tradizione popolare. Presidente nazionale per oltre trent’anni della Federazione Italiana Tradizioni Popolari, organizza annualmente eventi culturali per la città di Messina e rassegne folkloriche internazionali. Ha pubblicato libri su danza e abito tradizionale, ha composto canti in vernacolo, è Cavaliere Ufficiale della Repubblica Italiana, Croce di Ufficiale dell’Ordine Me­litense, “Ambascia­tore del Folklore Mondiale”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook