Lunedì, 17 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
REDDITO DI CITTADINANZA

Nei centri per l'impiego di Sicilia servono quasi 400 laureati

Quasi quattrocento laureati. E' il numero di giovani che potrebbero trovare lavoro all'interno dei centri per l'impiego in Sicilia, almeno stando a quello che potrebbe verificarsi quando diventerà operativo il reddito di cittadinanza.

Per gestire la misura, riporta il Giornale di Sicilia, servirebbero almeno 385 persone con qualifica elevata, figure di cui i centri per l'impiego sarebbero carenti.

Le difficoltà sono state scritte nero su bianco dalla Regione in una delibera che la giunta ha approvato un paio di giorni fa. Sebbene nei Centri per l'impiego siciliani lavorino già ben 1.777 persone, mancano però laureati e figure di qualifica elevata.

"In pratica - si legge - mancano le figure che dovrebbero svolgere proprio quelle funzioni che in gran parte coincidono con quelle che verranno svolte dai Centri per l’impiego quando, fra qualche settimana, entrerà nel vivo l’operazione Reddito di cittadinanza: gli orientatori. Ne servirebbero almeno 385, ognuno dei quali costerebbe - è indicato nella relazione - 61.740 euro lordi all’anno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook