Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ENOLOGIA

Vino, produttori di Mamertino verso il Consorzio di tutela

Insieme si può. E' questo il messaggio che l'area produttiva della Doc Mamertino porta al Vinitaly 2019. In tredici, a metà marzo, hanno costituto l'Associazione dei produttori del Mamertino per avviare un primo nucleo da cui poter far sviluppare il Consorzio di tutela della denominazione, riconosciuta nel 2004.

Un'area di 34 comuni (tutti nella Provincia di Messina) che, dalla costa tirrenica risale colline, boschi e rilievi dei Nebrodi.

"Il Mamertino - spiega Flora Mondello, produttrice e neo-presidente dell'associazione - è un piccolo gioiello della nostra storia vitivinicola che, pur venendo da un glorioso e remotissimo passato, può interpretare una modernità enologica interessante e competitiva".

Sono le condizioni pedoclimatiche espresse da questi territori a definire l'identità enologica di un'area così differenziata per suoli, clima ed esposizione. Un territorio aperto sul mare, ma con quote che raggiungono i 500 metri.

Le tipologie ammesse dal disciplinare (adottato nel 2004 e su cui sono intervenute modifiche, la più recente nel 2014) sono principalmente quattro: Bianco e Bianco Riserva; Rosso e Rosso Riserva; Calabrese o Nero d'Avola e Calabrese o Nero d'Avola Riserva e, infine Grillo - Ansonica o Grillo - Inzolia.

Il disciplinare regola anche le percentuali varietali minime e massime per ciascuna tipologia e che nei vini Bianchi e Riserva ammette Grillo, Ansonica e Catarratto (normale e Lucido) a cui possono aggiungersi, in percentuali minime, altre varietà ammesse alla coltivazione sul territorio siciliano che, nei bianchi non può superare il 20% e, nei rossi, il 15%.

Per i vini Rossi e Riserva le varietà ammesse sono Calabrese o Nero d'Avola e Nocera, oltre che tutte le altre varietà a bacca rossa ammesse alla coltivazione nell'Isola.

La differenza tra Bianco e Riserva e Rosso e Riserva è data dal periodo di affinamento obbligatorio, prima della commercializzazione, pari a due anni dalla vendemmia. Sia per i Bianchi Riserva che per quelli rossi, è previsto un periodo minimo di 6 mesi di maturazione in legno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook