Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Vulcano, la Regione punta a una nuova gestione della pozza dei fanghi

di

Pozza dei fanghi di Vulcano aperta, con ingresso a pagamento (ad eccezione dei residenti, come sempre), in questa penultima domenica di luglio. Potrebbe, però, essere l'ultima (con queste modalità) per la stagione estiva 2019.

La Regione, come riporta la Gazzetta del Sud in edicola, in particolare l'assessorato all'Energia, ha intimato alla “Geoterme”, società che gestisce da un ventennio l'accesso, previo pagamento del ticket, all'area geomineraria dove insiste la “pozza miracolosa”, di chiuderla, nelle more di una gara che dovrebbe affidarne la gestione.

A Palermo, infatti, avrebbero scoperto che i proventi dell'accesso ai fanghi termali, ritenuti bene minerario e, quindi, di proprietà regionale, finirebbero solo nelle casse della “Geoterme”. Inoltre, sempre dalla Regione, si evidenzia come la società vulcanara non sia mai stata destinataria di concessione. Nelle more che si dipani la matassa, il rischio concreto è la chiusura al pubblico del laghetto termale con gli inevitabili contraccolpi dal punto di vista turistico, già “penalizzato” dai fatti legati allo Stromboli.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook