Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CHIUSURA DEL DEFAULT

Debiti, «modalità semplificata» a Milazzo: ma servono 59 milioni di euro

comune di milazzo, debiti, liquidazione dei debiti, modalità semplificata, procedura liquidatoria, Fortunato Pitrola, Maria Leopardi, Rosario Caccamo, Messina, Sicilia, Economia
Comune di Milazzo

La Commissione straordinaria di liquidazione ha approvato una delibera con la quale propone alla giunta comunale di Milazzo l'adozione della modalità semplificata di liquidazione dei debiti sino ad ora censiti ed ammissibili del periodo del dissesto dell'ente, pari a euro 58.995.039,56, dando atto che tali importi potrebbero essere suscettibili di incremento o di variazione.

Nel provvedimento dell'Osl si quantifica, dunque, in quasi 56 milioni il fabbisogno presuntivo della Commissione per formulare proposte transattive che varieranno tra il 60 e il 40 per cento.

L'organo presieduto dal dottor Fortunato Pitrola (componenti Maria Leopardi e Rosario Caccamo) ha chiesto alla giunta Formica di deliberare entro 30 giorni l'adesione alla procedura semplificata, transattiva dei debiti rilevati. La delibera dalla Commissione è importante non solo perché sblocca una impasse che si trascinava da diversi mesi, ma anche perché permette di avere una “fotografia”, la più veritiera possibile, della situazione dopo 30 mesi (la delibera che dichiara il default è del novembre 2016) dal dissesto. La procedura liquidatoria ha portato a valutare 761 istanze per un valore di 32 milioni di euro, cui si aggiungono altri 139 procedimenti segnalati dagli uffici per 25 milioni.

A fronte di ciò l'Osl ha individuato quale massa attiva certa poco più di 3 milioni di euro dei quali quasi il 50 per cento incassate dal febbraio 2018 al 31 dicembre 2018 dal Comune e messe a disposizione della commissione.

Una rimanente parte di residui attivi pari a circa 10 milioni invece pur iscritta non è stata inserita in quanto occorrerà giungere, anche attraverso forme coattive, alla riscossione. «In considerazione delle scarse percentuali di riscossione, dell'elevato contenzioso tributario in corso e di un quadro normativo che ha concesso significativi abbattimenti ai carichi tributari rientranti nella gestione liquidatoria - scrivono i commissari - in sede di quantificazione del fabbisogno finanziario non si è riportato il valore di carico consapevoli di non poter contare sul gettito atteso».

In buona sostanza la previsione è soggetta a troppa aleatorietà e lo stesso discorso vale per i proventi relativi alle vendite del patrimonio disponibile. La Commissione sulla scorta anche di recenti interpretazioni giurisprudenziali ha poi deciso che se la giunta municipale accoglierà la proposta di adozione della procedura semplificata, cercherà di chiudere la situazione debitoria dell'ente offrendo ai creditori una somma variabile tra il 40 ed il 60 per cento del debito in relazione all'anzianità dello stesso con la liquidazione della somma spettante entro 30 giorni dalla sottoscrizione della transazione. Più specificamente il criterio che verrà utilizzato per pagare i creditori sarà il seguente: erogazione del 60 per cento del credito per coloro che vantano un credito entro il 31 dicembre 2006; erogazione del 50 per cento per crediti vantati dal gennaio 2007 al 31 dicembre 2011, mentre chi ha un credito per atti o fatti di gestione del periodo compreso tra il 1 gennaio 2013 ed il 31 dicembre 2014, si vedrà proporre il 40 per cento.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook