Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CON LE BANCHE

Debiti nella sanità, la Regione Siciliana avvia una rinegoziazione sui contratti derivati

La Regione Siciliana ha avviato una interlocuzione con alcuni istituti bancari per la rinegoziazione dei titoli derivati contratti in passato per consentire il pagamento dei debiti del settore sanitario. A darne notizia è stato l'assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao, nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare il bollettino finanziario regionale.

"Stiamo procedendo alla rinegoziazione dei derivati, costati finora ai siciliani 300 milioni di euro e che non hanno avuto alcun ritorno economico in bilancio - ha spiegato Armao -. La Sicilia è la prima regione in Italia che, con l'assistenza del Mef e della Cassa depositi e prestiti, si accinge a rinegoziare i titoli con le banche che li hanno emessi".

L'obiettivo è quello di "chiudere" i vecchi rapporti finanziari "al fine di salvaguardare - conclude Armao - il bilancio della Regione". Gli istituti con cui già domani, con il primo tavolo ufficiale, si proverà a raggiungere una intesa sono: Nomura, Merrill Lynch, Bnl, Deutsche Bank e Unicredit.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook