Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA RISCOSSIONE

Incasso dei tributi al 55%, il Comune di Taormina prova a cambiare rotta

di
comune di Taormina, riscossione tributi, Messina, Sicilia, Economia
Comune di Taormina

La vicenda dell'indagine sulle bollette d'acqua al Comune di Taormina, che ha portato all'arresto di un ex legale del Comune e al divieto di dimora di un ex dirigente, arriva proprio nelle ore in cui è tornata d'attualità al Comune di Taormina l'emergenza riscossione dell'ente locale.

Il Municipio è al 55% della capacità di riscossione. Per questo il sindaco Bolognari ha disposto l'avvio di una procedura di riscossione coatta dei tributi per recuperare almeno un ulteriore 10% di riscossione tributi, pari a circa 3,5 milioni di euro. Negli anni si sono accumulate pendenze da parte di numerose utenze, non soltanto sul servizio idrico, ma anche per altri tributi come Imu, Ici, Tarsu e Tari.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Messina in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook