Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Taormina, gli albergatori che non hanno aperto dovranno pagare la Tari
CRISI ECONOMICA

Taormina, gli albergatori che non hanno aperto dovranno pagare la Tari

Beffa in arrivo per gli operatori economici di Taormina. Il 28 settembre si discuterà in consiglio comunale la proposta di delibera per la Tari (tassa sulla raccolta rifiuti) 2020 e nell'occasione l'Amministrazione ha previsto una riduzione della tariffa annuale del 25% per le attività locali, ma la rimanente quota del 75% rischia di diventare un vero e proprio macigno per le imprese del territorio. Di fatto dovranno pagare anche le strutture ricettive che quest'estate non hanno riaperto a causa della crisi.

Per questo ieri mattina l'Associazione Albergatori Taormina ha chiesto di essere ascoltata in audizione in commissione consiliare e i rappresentanti di AAT, Pippo Trefiletti e Gerardo Schuler, hanno discusso la spinosa questione alla presenza dell'assessore alle Politiche finanziarie, Alfredo Ferraro.

 

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook