Domenica, 13 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Sanità, oltre 15 mila assunzioni tra medici e infermieri, l'8% sarà arruolato in Sicilia
L'ANNUNCIO

Sanità, oltre 15 mila assunzioni tra medici e infermieri, l'8% sarà arruolato in Sicilia

L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha fatto il punto sulle nuove assunzioni previste dalla legge di stabilità del Governo e fatto il punto sui vaccini in Sicilia
assunzioni, coronavirus, sanità, vaccini, ruggero razza, Sicilia, Economia
L'assessore regionale alla sanità, Ruggero Razza

Nuove assunzioni tra medici e infermieri per l’emergenza sanitaria. Le ha annunciate a Siracusa l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, che ha parlato del bando nazionale per reclutare personale sanitario. Nella ripartizione regionale alla Sicilia andrà circa l’8 per cento dei nuovi assunti. «La Protezione civile nazionale e il commissario nazionale per l’emergenza - ha aggiunto Razza - hanno inserito una specifica norma della legge di stabilità del parlamento e che prevede l’assunzione in tutta Italia di 13 mila infermieri e di 3 mila medici. La Sicilia come tutte le regioni italiane attingerà con il bando per rafforzare le squadre di vaccinazione».

«Io penso - ha aggiunto Razza - che ci voglia una sensibilizzazione molto forte sull'importanza del vaccino, a tal proposito l’Istituto superiore di sanità sta lavorando sotto questo aspetto. Sarebbe sbagliato pensare di convincere le persone con la forza, bisogna che tutti comprendano quanto sia importante riprendere una vita normale magari riuscire a levarsi questa mascherina fra qualche mese e riuscire a riabbracciare i propri cari».

E’ attivo un piano di vaccinazione che andrà di pari passo con quello nazionale, ha proseguito l’assessore alla Salute: «Saranno tre le categorie coinvolte: operatori sanitari, operatori e pazienti delle Rsa e over 80 che in Sicilia sono 350 mila. Inoltre, per le altre fasi della vaccinazione il commissario Arcuri ha convocato una riunione per meglio determinare alcune categorie: ci saranno le persone autosufficienti che potranno essere contattate e le persone non autosufficienti per le quali la vaccinazione dovrà invece a venire a domicilio. Se dovessi fare una provocazione dovremmo diffondere le immagini di una terapia intensiva e il dolore di tanti familiari che hanno visto andare via i loro parenti». ha aggiunto  Ruggero Razza al dopolavoro Isab Lukoil, nella zona industriale di Siracusa, per una visita al presidio Uscai, Unità Speciale di Continuità Assistenziale Industriale dell’Asp di Siracusa per monitorare e contenere la diffusione epidemiologica da Covid 19 tra i lavoratori Lukoil e dell’indotto.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook