Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
AMMINISTRAZIONE

Accordo tra il Comune di Buccheri e la Burgio Costruzioni: scongiurato il dissesto

A Buccheri è stato scongiurato il pericolo del dissesto del Comune, grazie all’accordo traggiunto tra l’amministrazione e la ditta Burgio Costruzioni, che vantava un credito di oltre 530.000 euro in virtù di una sentenza della Corte d’Appello di Catania passata in giudicato.

La transazione è stata sottoscritta presso la casa comunale dopo un travagliato tavolo tecnico durato oltre cinque ore, presente il sindaco Alessandro Caiazzo ed il presidente del Consiglio Gianni Garfì, unitamente al revisore dei conti, al capo area finanziaria, ai legali delle parti ed il segretario comunale. Soddisfazione reciproca è stata espressa da parte dal Comune e dalla ditta, nonché dai legali Antonio Matasso e Paolo Giovanni Rotelli, entrambi del Foro di Messina, che sono riusciti a far ottenere al proprio cliente quasi la totalità del credito vantato in tempi ragionevoli.

In particolare, l’amministrazione evita il pericolo del dissesto, riduce il debito e blocca la quota interessi. Gran parte del merito è da ricondurre all’opera svolta da Denis Basili, come ha dichiarato lo stesso imprenditore Giuseppe Burgio; Basili, infatti, da assessore si è occupato della vicenda fungendo da mediatore tra le parti.

I legali Rotelli e Matasso sottolineano come non sia stata una transazione semplice, visti anche gli importi, ma alla fine, dopo oltre un anno di trattative, si è arrivati ad un compromesso che evita un serio danno per la cittadinanza. Lo stesso ex assessore Basili ha espresso il loro plauso agli avvocati Matasso e Rotelli per la competenza e professionalità dimostrate nei rapporti con il Comune, rappresentato con pari capacità dal collega Cosentino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook