Giovedì, 17 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
LA VERTENZA

Ex Province, la Sicilia chiede soluzioni immediate contro il collasso degli enti

di
dissesto, ex province, soluzioni, Gaetano Armao, Nello Musumeci, Messina, Sicilia, Politica
Ieri centinaia di dipendenti dell'ex provincia di Messina in protesta a Palermo

Tutti al capezzale delle ex Province, svuotate di risorse, sul filo del fallimento, incapaci di garantire anche gli stipendi ai dipendenti. Ieri è partito da Palermo un appello delle istituzioni siciliane al governo Conte affinché gli enti non muoiano. È la sintesi dell’incontro che il governatore Musumeci ha voluto con i parlamentari nazionali eletti in Sicilia, per giungere all’emanazione di un decreto legge sugli enti locali che elimini il meccanismo del prelievo forzoso che ha portato al collasso le ex Province dell’Isola.

L’assessore dell’Economia, Gaetano Armao, che con Roma è impegnato in una interlocuzione su questi temi, si farà portavoce della richiesta che il governatore condenserà in una nota ufficiale.

Dal ministero dell’Economia, il governo Musumeci ha già ottenuto l’assicurazione di trovare una soluzione definitiva alla crisi degli enti entro il prossimo 30 settembre, ma il precipitare della situazione impone di accelerare i tempi affinché all’Isola possa essere riservato lo stesso trattamento delle altre regioni d’Italia dove i bilanci delle ex Province godono di un ristoro significativo da parte dello Stato.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Messina in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook