Mercoledì, 22 Maggio 2019
stampa
Dimensione testo
RISANAMENTO

I fondi per le baracche di Messina, Falcone in Consiglio: "Dopo 29 anni pronti 14 milioni"

di
assessore marco falcone, baracche risanamento, messina, marco falcone, Messina, Sicilia, Politica
L'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone

"A distanza di 29 anni ci ritroviamo quasi nella stessa situazione del 1990, quando a Messina vennero assegnati 500 miliardi per cancellare la vergogna delle baracche e procedere con il risanamento di interi villaggi e quartieri". Ha esordito così l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, ospite della seduta del Consiglio comunale convocata per discutere i tanti nodi irrisolti del risanamento messinese e consegnare all'Amministrazione i decreti di finanziamento (in totale sono quattro) che mettono nella disponibilità del Comune un totale di 14,2 milioni di euro.

"Quei 500 miliardi della legge 10/90 non erano immediatamente disponibili - ha continuato Falcone - ma secondo una logica di poste finanziarie sono stati assegnati a scaglioni, in parte sono stati erogati e in parte tolti, noi abbiamo fatto una ricognizione e - ha specificato Falcone - in totale sono stati assegnati 175 milioni di euro, di questi ne sono stati spesi circa 118. Ottanta milioni sono andati persi - ha detto l'assessore - stiamo verificando come sono stati spesi e per cosa e se nelle disponibilità della Regione sono ancora rimasti soldi".

E' questa la vergogna, emersa in tutta la sua chiarezza nelle parole dell'assessore Falcone, i soldi stanziati per il risanamento di Messina solo in parte sono stati usati, altri sono stati spesi per altro, altri ancora si tenterà di recuperarli.

"In totale le somme recuperate - ha affermato Falcone - sono 52 milioni di euro. Contiamo di girare queste somme alla città di Messina entro l'anno e dopo il primo step di oggi, un'altra tranche verrà assegnata a giugno e verosimilmente - aggiunge Falcone - entro l'anno Messina potrà avere a disposizione le somme per 600 alloggi, 500 da acquistare sul mercato e circa 100 che il Comune potrà decidere di costruire a Fondo Basile (una sessantina) e a Santa Lucia sopra Contesse e a San Filippo".

Se le parole di Falcone dovessero trovare conferma nei prossimi mesi, e quindi le somme arriveranno nelle disponibilità del Comune di Messina, sarà proprio Palazzo Zanca ad avere la responsabilità di portare a termine l'assegnazione degli alloggi e contemporaneamente lo sbaraccamento.

"Se il Comune sarà capace di agire in maniera celere ed efficace - ha concluso Falcone - il definitivo risanamento di Messina sarà possibile, la Regione, dal canto suo, ovviamente, vigilerà sulla demolizione delle baracche".

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook