Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CRISI DI GOVERNO

Salvini in tour al Sud contro il partito del non voto, ma in Sicilia cresce la protesta

crisi governo, salvini sicilia, Beppe Grillo, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Cartelli di contestazione nei confronti di Salvini a Siracusa

A Roma il partito contrario a elezioni a breve sembra crescere di giorno in giorno in Parlamento. E il 'rumore dei nemici' politici arriva sempre più forte a Matteo Salvini, inseguendolo di spiaggia in spiaggia nel suo Estate Italiana Tour. Il vicepremier torna a chiedere di votare al più presto «per avere un governo stabile per cinque anni», facendo appello «all’Italia che dice sì» e liquidando «il Renzi-Grillo che vuole tasse e caos».

Ma anche le contestazioni della piazza si fanno più dure nelle ultime tappe del giro del Sud: a Catania vengono lanciate bottigliette di plastica vuote contro l’auto del ministro dell’Interno; a Siracusa un centinaio di persone, tutte indossanti magliette rosse, ha iniziato la protesta e si sono verificati degli scontri verbali con un gruppo di sostenitori della Lega.

La polizia ha allontanato di qualche metro dal palco i manifestanti anti-Salvini indossando i caschi di protezione. Tensione alta e contestatori pronti a urlare senza sosta slogan e insulti contro il ministro dell’Interno, esortato ad andare «fuori da Siracusa».

Salvini dopo aver aperto la crisi è già in campagna elettorale e in Sicilia punta a portare via altri consensi a M5S e Forza Italia, egemoni nell’Isola in tempi recenti o passati. A Beppe Grillo tornato in campo «per salvare l’Italia dai nuovi barbari» risponde che «l'Italia sarà salvata da 60 milioni di elettori». E accusa l’ex premier Pd e il garante M5S di voler solo conservare la propria rappresentanza parlamentare, «le poltrone».

«Da Renzi me lo aspetto, da Grillo un pò meno...», osserva. E quindi elezioni al più presto, «al massimo entro fine ottobre», «piena fiducia in Mattarella, che mi sembra abbia ben chiaro qual è il bene dell’Italia» e avanti con la campagna. «Sono disposto a tutto pur di dare la parola agli italiani, in fondo non me lo ha ordinato il medico di fare il ministro», aggiunge.

In Sicilia riecco l’entusiasmo dei sostenitori, le catene dei selfie, i regali e le invocazioni per il futuro dell’Italia, ma anche le proteste. All’elegante Lido Caparena di Taormina c'è un solo militante cinquestelle con megafono e bandiera, in spiaggia Salvini rimette il costume e prova a rilassarsi con un bagno. A Catania invece, poco più tardi, decine di persone urlano slogan contro il ministro dell’Interno, fronteggiati da altrettanti a favore.

Ci sono momenti di tensione, volano bottiglie di plastica contro la macchina del ministro. Le forze dell’ordine in assetto antisommossa separano i due gruppi. Dopo la visita di Salvini al sindaco, all’uscita dal Municipio, la folla dei contestatori si è ingrossata e il leader della Lega deve rinunciare alla passeggiata in piazza Duomo. A Siracusa, detto delle contestazioni, sono stati anche esposti striscioni pro migranti dai balconi.

Salvini ostenta sicurezza, convinto di avere l’elettorato dalla propria parte. Torna a bollare come «un insulto alla democrazia un governo Renzi-Grillo, che vogliono più tasse e caos», dice, e sull'uscita dall’euro ribadisce che «non è all’ordine del giorno». Poi riconosce coerenza a Nicola Zingaretti: «C'è un segretario del Pd che conto rispetti la democrazia» accettando di tornare alle urne.

Ma sullo sfondo si staglia l’ombra di Matteo Renzi, in campo per un governo istituzionale con M5S. E così il capo della Lega torna a parlare di Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi: «Penso che già la settimana prossima ci ritroveremo con gli alleati per le regionali, ovviamente si parlerà anche di altro».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook