Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL DOCUMENTO

Messina si riconcilia col mare, si accelera per il Piano Spiagge

di

Il Pudm, Piano di utilizzo del demanio marittimo, di fatto è, insieme al Piano regolatore del porto, il più importante strumento di pianificazione urbanistica di una città come Messina, che nel corso dei decenni sembra aver deliberatamente eretto un metaforico muro tra se stessa e il mare.

Il Pudm, infatti, più semplicemente chiamato Piano Spiagge, è «il documento di pianificazione che individua le modalità di utilizzo del litorale marino» ed è stato approvato dalla Giunta De Luca nelle scorse settimane per la definitiva accelerazione.

In altri termini, è lo strumento che indica cosa e come fare tutto ciò che può essere fatto in oltre 60 chilometri di costa, 34 dei quali nella fascia ionica (da Giampilieri a Capo Peloro) e circa 30 nella fascia tirrenica (da Capo Peloro a Ponte Gallo).

L'articolo completo nell'edizione odierna di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook