Martedì, 04 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Coronavirus a Enna, il direttore dell'Asp presenta le dimissioni. Razza: "Le ritiri"
SANITÀ

Coronavirus a Enna, il direttore dell'Asp presenta le dimissioni. Razza: "Le ritiri"

Due zone rosse, ospedali contagiati, tamponi in ritardo, inchieste della magistratura. Non poteva non esplodere, il caso Enna, e così è stato, con le dimissioni del direttore dell’Asp, Francesco Iudica. Ci sono almeno due inchieste della magistratura sulla gestione dell’emergenza Covid 19 nella provincia siciliana, con 293 positivi e 21 decessi, secondo i dati della Regione aggiornati al 14 aprile, dove due Comuni, Troina ed Agira, sono stati dichiarati «zone rosse».

La prima inchiesta, per la quale ci sarebbero già alcuni avvisi di garanzia, riguarda il trasferimento di alcuni pazienti dal reparto di medicina dell’ospedale Umberto I di Enna al Chiello di Piazza Armerina (En) per permettere l’allestimento nel primo del reparto dedicato ai pazienti Covid 19. Una donna era morta per Covid poco dopo il trasferimento e, secondo l’esposto presentato da alcuni operatori del nosocomio armerino, i pazienti non erano stati preventivamente sottoposti al tampone, esponendo il personale ed i degenti del Chiello al contagio. L’altra inchiesta riguarda il focolaio divampato all’Irccs Oasi di Troina dove ci sono oltre 100 disabili ospiti della struttura e 60 operatori, tra medici personale paramedico e amministrativo, contagiati dal Covid con 5 decessi accertati.

Altro fronte che ha portato a numerose proteste riguarda i tamponi, con alcune centinaia di persone che sono in attesa di esservi sottoposte o di conoscerne l’esito. Molte persone sono in quarantena ormai da più di un mese e non possono uscire perchè ancora non sono stati effettuati o analizzati i tamponi, ma emerge anche che alcuni pazienti sottoposti al tampone lo scorso 31 marzo, che sono rimasti a casa perchè asintomatici o con lievi sintomi, avrebbero avuto comunicazione oggi che il tampone deve essere ripetuto.

Lo scorso 9 aprile la segreteria provinciale del Partito democratico aveva chiesto al presidente della regione, Nello Musumeci, e all’assessore alla salute Razza, la nomina di un team di esperti Covid 19 per affiancare e coordinare i vertici dell’Asp di Enna. Il Pd aveva raccolto ed elaborato i dati secondo i quali su una popolazione di 164 mila abitanti risulta contagiato 1 abitante ogni 557, dato che rappresenta circa 4 volte la media regionale. Un abitante su 960 della provincia di Enna risulta ricoverato in ospedale: l’incidenza di mortalità è di ogni 10 mila abitanti, contro la media regionale di un decesso ogni 38 mila abitanti circa.

Oggi è arrivata la decisione dell’assessore regionale Razza di nominare i dottori Sebastiano De Maria e Anna Maria Longhitano, componenti del gruppo di lavoro che dovrà affiancare e supportare i vertici dell’Asp di Enna nella gestione dell’emergenza e i dottori Maria Grazia Furnari, Giuseppe Liberti e Vincenzo Parrinello, componenti della commissione di inchiesta su quelli che Razza ha definito «i fatti sin qui verificatisi». Subito dopo sono arrivate le dimissioni del direttore generale Francesco Iudica seguite dalla richiesta dell’assessore Razza di ritirarle.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook