Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Cassa integrazione in ritardo in Sicilia, il M5S chiede le dimissioni dell'assessore al Lavoro
REGIONE

Cassa integrazione in ritardo in Sicilia, il M5S chiede le dimissioni dell'assessore al Lavoro

ars, cassa integrazione, movimento 5 stelle, regione siciliana, Sicilia, Politica
Antonio Scavone

Il M5S all’Ars chiede la rimozione dell’assessore della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, Antonio Scavone, e lo fa con una mozione di censura che è stata oggi annunciata in aula dal deputato Antonio De Luca, per spingere Musumeci a rimuovere l’esponente del suo governo, «rivelatosi palesemente inadeguato al ruolo».

A Scavone i deputati 5 stelle contestano, in primis,  «l'intollerabile gestione degli ammortizzatori sociali straordinari, con ritardi inaccettabili nella lavorazione delle pratiche di migliaia di lavoratori, ormai con l’acqua alla gola».«Ogni giorno che passa - affermano i deputati - l’angoscia di migliaia di famiglie cresce fino al limite dell’esasperazione. Per chi vive di un solo stipendio, azzerato dall’emergenza Covid, è un dramma. Sui ritardi della cassa integrazione nei giorni scorsi avevamo lanciato l’allarme e  Scavone non ha fatto altro che cercare di minimizzare quanto stava accadendo. Secondo dati aggiornati al 4 maggio erano appena 4526 le domande di cassa integrazione in deroga che la Regione Siciliana aveva trasmesso all’Inps a fronte di 40.190 pratiche che riguardano quasi 150 mila lavoratori. Una percentuale ridicola, un fatto inaccettabile e incomprensibile a 40 giorni dalla conclusione dell’accordo sindacale. La Sicilia è stata, cronologicamente, la diciottesima regione italiana a inviare i flussi, con un immotivato e notevole ritardo. Le giustificazioni addotte e le informazioni fornite da Scavone sono apparse insufficienti e contraddittorie».

«Le dimissioni del direttore generale dell’assessorato - continuano i deputati - hanno il retrogusto amaro di chi si
accinge a chiudere la stalla quando i buoi sono in grandissima parte scappati. Molto prima ci si doveva muovere per
risparmiare ai siciliani indicibili sofferenze».

Gravi anche le contestazioni dei deputati 5 stelle sul fonte centri per l’impiego (dove ancora non sono stati indetti i concorsi per il potenziamento di queste strutture che dovrebbero portare all’assunzione, entro il 2021, di 1135 tra istruttori e funzionari a tempo indeterminato) e della ormai annosa questione della riforma degli istituti di assistenza e beneficenza «dove - dicono i parlamentari 5 stelle - si registra un immobilismo ai limiti dell’ostruzionismo, malgrado le proposte di legge depositate presso l’Assemblea Regionale Siciliana, sia di iniziativa parlamentare, che di iniziativa governativa.».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook