Giovedì, 09 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica La scissione del M5S siciliano, storia di una base elettorale "in fuga"
PALERMO

La scissione del M5S siciliano, storia di una base elettorale "in fuga"

di

La scissione è compiuta. Lasciano il gruppo tre deputati di lungo corso, alla loro seconda legislatura: Angela Foti, Matteo Mangiacavallo, Valentina Palmeri oltre ad Elena Pagana e Sergio Tancredi (già espulso da tempo).

I “grillini” sono allo sbando, come il capocomico dei “Sei personaggi in cerca d'autore” che licenzia tutti, afflitto dal dramma dell'incomunicabilità: con una base elettorale in fuga dalla sbornia, con i cinque deputati che si sono accucciati nella dependance del governo regionale, con un'identità immatura che li costringe ad arrotolarsi nel filo spinato delle contraddizioni.

E allora la scelta di incornare Musumeci appartiene al riflesso istintivo di un vuoto a perdere che vede allontanarsi la speranza del rabbocco. Una mossa che punta a radicalizzare lo scontro, ma che nasconde maldestramente la volontà di spingere gli scissionisti del Movimento a confessare il peccato di collaborazionismo. E infatti la risposta non si è fatta attendere, visto che in Aula i dissidenti non avrebbero votato la sfiducia, smascherando platealmente la loro doppiezza.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Sicilia. 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook