Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Ars, elezione Galvagno: il Pd accusa i parlamentari di De Luca. Lo Giudice: "Per loro nuova sconfitta"
SICILIA

Ars, elezione Galvagno: il Pd accusa i parlamentari di De Luca. Lo Giudice: "Per loro nuova sconfitta"

Sicilia, Politica
Danilo Lo Giudice

Il Pd accusa i parlamentari di Cateno De Luca di aver votato per il nuovo presidente dell’Ars, Gaetano Galvagno. «Non possiamo non notare come l’elezione di oggi è arrivata grazie al soccorso messinese mentre a Sala d’Ercole la maggioranza di centrodestra è naufragata alla prima prova d’aula», ha affermato il deputato regionale e segretario dei Dem siciliani, Anthony Barbagallo. «La prossima settimana nel corso delle votazioni dell’ufficio di presidenza - prosegue Barbagallo - i siciliani vedranno pure il prezzo della compravendita: la vice presidenza dell’Ars con cui la maggioranza ricambierà il favore. E’ una vergogna che tradisce il voto dei siciliani - conclude - che hanno votato Cateno De Luca in opposizione del centrodestra e invece da oggi lo trovano fedele alleato».

Lo Giudice: "Ennesimo fallimento"

“Comprendo il nervosismo dell’onorevole Anthony Barbagallo che ha registrato l’ennesimo fallimento del suo ruolo politico di segretario regionale del Pd, dopo la sonora sconfitta elettorale per non aver potuto far cuocere a fuoco lento una maggioranza apparentemente spaccata sull’elezione del presidente del parlamento siciliano. Non abbiamo accolto anche l’invito di Barbagallo di votare in modo difforme da come avevamo già deciso nell’ambito dei nostri due gruppi parlamentari, ovvero astensione alla prima votazione formalmente rilevata e scheda bianca alla seconda votazione. Non ci sono dubbi che la nostra presa di posizione di essere conseguenziali e coerenti a quanto dichiarato pubblicamente non ha consentito al segretario del Pd Barbagallo di intavolare una trattativa al rialzo con la maggioranza per riservare qualche blasonato strapuntino da assegnare ai più veterani parlamentari del Pd. Se ne faccia una ragione l’on. Barbagallo, con noi in Parlamento la musica è cambiata sia per la maggioranza che per la finta opposizione. E questa è una ragione in più per staccare il biglietto di solo andata per Roma dove la politica parolaia avrà sicuramente più successo rispetto al nuovo quadro degli assetti del Parlamento siciliano. Forse per la prima volta nella storia del parlamento siciliano è mancata la notte dei lunghi coltelli che precedeva l’appuntamento conclusivo per l’elezione del presidente del parlamento siciliano e anche di questo l’on. Barbagallo se ne dovrà fare una ragione”. Lo dichiara il coordinatore dei gruppi parlamentari Sicilia Vera e Sud chiama Nord Danilo Lo Giudice replicando alle dichiarazioni rilasciate dal segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo.

Leanza aderisce al Gruppo del Pd

Il parlamentare regionale messinese, Calogero Leanza, ha ufficializzato questa mattina la sua adesione al Gruppo parlamentare del Partito democratico a Sala d’Ercole. Leanza, che è il più giovane deputato regionale della diciottesima legislatura in Sicilia, ha sottoscritto l’adempimento in base all’articolo 23 del regolamento interno dell’Ars. "Credo nel dialogo che è fondamento dell’opposizione costruttiva, la vera opposizione: sarà sempre un lavoro costruttivo da parte mia e attento nell’interesse dei siciliani e dei tanti e delicati impegni che dovremo affrontare nei prossimi mesi", afferma il deputato. "Per tali ragioni - conclude Calogero Leanza - mi concentrerò sul lavoro e nelle proposte, che come Pd, porteremo in Aula".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook