Venerdì, 18 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Naser, l’ebreo slavo che da 40 anni vive le sue mille vite a Messina

di
campi di concentramento ebrei, regime tito jugoslavia, Naser Alija Munisi, Sicilia, Società
Naser Alija Munisi

Millenni di storia sulle spalle di una sola persona. Naser Alija Munisi, ebreo slavo, vive a Messina da quasi quarant’anni e chiunque lo ascolti rimane estasiato dalla sua gentilezza e dal suo parlar saggio.

I suoi familiari hanno vissuto sulla loro pelle gli orrori della Germania nazista e lui di altre guerre porta ancora le cicatrici: «Sono nato in Jugoslavia – ha raccontato Naser – nel 1961 e vivo a Messina dal 1980, anno in cui ho conosciuto Carolina, la donna che dopo tantissimi anni di fidanzamento, ben 12, sarebbe diventata mia moglie. Lei è originaria di Sant'Agata di Militello e ci siamo conosciuti al mercato. In quegli anni si allestiva a piazza Trombetta e io ero lì per comprare dei vestiti. Sono bastate poche parole. I nostri sguardi si sono incrociati e ci siamo innamorati. Per 35 anni non ci siamo lasciati neanche un secondo».

Nel suo paese Naser era un ispettore di polizia e ha cominciato a frequentare l’Accademia quando aveva 13 anni: «Guidavo un battaglione di 53 persone. Sopra di me avevo solo un capitano ed ero uno dei migliori tiratori. Per due anni sono stato in Kosovo e difendevo la radio televisione di Pristina».

Fino a quando Tito era in vita il giovane ha mantenuto il suo ruolo ma poi ha deciso di scappare consegnando tutto: «Pistola in primis per non vedere più quello che avevo visto ma soprattutto vedere quello che sarebbe successo dopo».

Questo uomo per tanti anni non è stato mai fermo. Come libero professionista faceva lavori di traduzione, poi per tanti con la moglie ha gestito un negozio di articoli sportivi, e infine per altri undici ha fatto il sommozzatore fino a quando l'amore della sua vita si è ammalata e le loro vite si sono separate anche se rimane un legame assai profondo: «Dopo ho passato il periodo più nero della mia vita».

Una prova dura che si sommava ad altre che aveva affrontato a testa alta, come quando una donna si presentò a casa dei suoi genitori “osservanti meticolosi della legge di Dio” e disse loro che Naser aveva messo incinta sua figlia.

L'articolo completo nella pagine della Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook