Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'OPERA DETURPATA

Taormina, murales di Carola Rackete imbrattato da un leghista: è polemica

di
Messina, Sicilia, Società
L'opera prima e dopo

A 48 ore dall'arrivo a Taormina del ministro leghista Matteo Salvini, previsto per domenica mattina, divampa la polemica sui murales di TvBoy che hanno ritratto in città Carola Rackete, Andrea Camilleri e Mahmood.

In particolare a far discutere è l'azione compiuta dall'avvocato Giuseppe Perdichizzi, il leghista che ha annerito con una bomboletta spray il volto del graffito che ritraeva la Rackete e che nell'occasione ha posto accanto al murales un volantino a difesa di Salvini e a sostegno dell'operato della Guardia di finanza in riferimento alla vicenda della Sea Watch 3.

Perdichizzi difende la sua azione: «È un gesto compiuto per difendere la legalità. Nulla da dire sugli altri due murales che sono una rispettabile espressione artistica, diverso è il discorso per il murales della Rackete».

L'articolo completo nell'edizione odierna di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook