Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CONDIZIONE INACCETTABILE

Storie di "neet" a Messina, Christian e Mattia tra rassegnazione e speranze

di

“A Messina non c'è nenti”. L' esercito dei “neet” spesso commenta una condizione inaccettabile con questa frase laconica.

Il ventunenne Christian Nizzari, si è diplomato l'anno scorso, e quando ha iniziato il suo percorso di studi era pieno di aspettative. Oggi però ringrazia la sua famiglia che cerca di non fargli mancare nulla. Sostegni proficui, che non fanno venire meno la domanda importante: “Che farò?”. «Alla fine - afferma - si innesca la voglia di non fare nulla. Sai che l' Università può aiutare, ma nello stesso tempo sei influenzato negativamente dalle storie di tutte le “menti” che hanno accumulato grandi titoli e si ritrovano comunque disoccupati o fanno un lavoro precario».

E poi c'è chi come il venticinquenne Mattia Florena ha vissuto un periodo in cui si è ritrovato inattivo: «Ho attraversato questo periodo ma fortunatamente è durato poco. Ero iscritto all'Università ma sentivo in cuor mio che non avevo la possibilità di sfondare». Decisivo poi è stato lo sport che un giorno gli ha fatto prendere la decisione di spiccare il volo, lasciare la zona di confort e trovare un lavoretto a Londra.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Messina in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook