Lunedì, 21 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SERIE D

Il Messina tra Palmese e Giulianova, Protti e Torino ricordano le imprese di Coppa

di
acr messina, serie d, Igor Protti, Vittorio Torino, Messina, Sicilia, Sport
Igor Protti

Il Messina prepara la sfida con la Palmese che può certificare la salvezza. Ma la testa è anche alla sfida di mercoledì con il Giulianova che può proiettare i giallorossi alla finale di Coppa Italia. Due grandi protagonisti del passato giallorosso, Igor Protti e Vittorio Torino, ricordano le loro imprese in Coppa.

«Avevo ereditato una maglia troppo pesante, Totò aveva appena segnato 23 gol in B ed era passato alla Juventus. Il compito di non farlo rimpiangere era praticamente impossibile - ricorda Igor Protti -. Ma la spinta del pubblico caricò me e i miei compagni. Al fischio d’inizio il grido “Messina, Messina” fece tremare tutto lo stadio, fu un attimo in cui capimmo di potercela fare». Era il 23 agosto 1989, finì 2-1 contro il Torino e Igor ne fece due.

Per Vittorio Torino, invece, il 20 agosto 2000 fu «uno dei giorni più belli in giallorosso. Per le emozioni vissute già ancor prima che cominciasse la partita. Ricordo un “Celeste” tutto pieno e un tifo assordante già al riscaldamento. Venivamo da una promozione e in città c’era grande l’entusiasmo. Di fronte a quel Palermo partimmo sfavoriti, ma ribaltammo i pronostici con la spinta della nostra gente e la voglia di firmare qualcosa d’importante».

Finì 3-0 contro il Palermo, Vittorio ne stampò tre: «Il secondo fu il più bello: taglio sul primo palo di Enrico, in quello che ero uno schema, e io col tacco a firmare il raddoppio». Domani su Gazzetta del Sud le interviste con gli indimenticati ex bomber giallorossi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook