Lunedì, 17 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Nazionale siciliana di calcio, l'idea parte da Messina. Ecco i primi nomi
L'IDEA

Nazionale siciliana di calcio, l'idea parte da Messina. Ecco i primi nomi

Sicilia, Sport
Alberto L'Episcopo, ex dirigente di ChievoVerona e Igea Virtus

Cultura, storia e senso di appartenenza sono la base di un nuovo progetto che ruota attorno all’identità regionale e al calcio. L’iniziativa, avviata due anni fa, procede a grandi passi grazie all’impegno di appassionati, storici e professionisti della cultura siciliana che, guidati dal presidente Salvatore Mangano, imprenditore e presidente dell’associazione “La Sicilia ai siciliani”, punta a formare la Nazionale della Sicilia. «Vogliamo promuovere l’identità e l’immagine della nostra isola. Uno spettacolo popolare e aggregativo come il calcio può essere vettore di riflessione culturale, conoscenza storica e valorizzazione del patrimonio linguistico siciliano», ha spiegato il dirigente catanese Alberto L’Episcopo, direttore generale ed ex dirigente di Igea Virtus e Chievo Verona in serie A e B.

Partendo da Messina, il progetto ha un ampio respiro regionale, trovando subito consensi nelle altre province: «Abbiamo un’adeguata struttura organizzativa e in agenda una serie di affiliazioni con società di tutta la Sicilia», ha aggiunto L’Episcopo, al lavoro per l’iscrizione al Conifa (Confederation of Independent Football Associations). I primi incontri nel 2019: «La Sicilia soddisfa molti dei punti minimi necessari per l’ammissione. Siamo pronti per la richiesta formale, che sarà inoltrata in settimana e deve essere vagliata dal Board di Conifa mondiale che si riunisce una volta l’anno». In ogni caso abbiamo già ricevuto da Conifa invito informale a partecipare ai prossimi eventi "No Limit", e abbiamo già dato piena disponibilità.

Intanto la Nazionale si sta strutturando e si è affidata a una figura di spicco del panorama calcistico regionale: Benedetto Bottari, ex dirigente del Milazzo che arrivò in C, Due Torri e Città di Sant’Agata, sarà il team manager. «Costruirà uno staff tecnico di alto livello – ha continuato il dg –. Alcuni calciatori hanno già manifestato interesse, ma le convocazioni saranno precedute da richieste e nulla osta a club e leghe di appartenenza, per muoverci in armonia con tutti gli attori coinvolti». L’emergenza sanitaria ha rallentato le attività sportive, i raduni saranno organizzati in autunno, mentre le gare ufficiali solo nel 2022, quando potrà debuttare la Sicilia con le tre maglie già ufficializzate: la prima, Vespiru, è giallorossa e richiama l’insurrezione del Vespro siciliano del 1282; la seconda, Fidiricu, bianca con una banda giallorossa ispirata alla bandiera del Regno di Sicilia istituita nel 1296 da Re Federico III; la terza, Ruggeru, blu con una banda a scacchi bianchi e rossi, in omaggio allo scudo degli Altavilla, di cui fu massimo esponente Re Ruggero II, fondatore del Regno di Sicilia nel 1130.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook