Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Rifiuti al litorale Maregrosso a Messina, per la bonifica si parte dall'amianto - Foto

I prelievi di rifiuti e detriti, dalle masse inquinanti che sfregiano Maregrosso, vanno avanti a buon ritmo a cura dell'impresa incaricata dal Comune di Messina. Prelievi effettuati, fino a una profondità di 15 centimetri, un'attività rapida ma precisa, indispensabile alla “caratterizzazione”.

Ovvero sia - per chi cerca un linguaggio più chiaro - l'esame e la classificazione di quell'osceno mondo di scarti e immondizia che cannibalizza la costa e il panorama più belli del centro, e la cui eliminazione consentirà di raggiungere l'obiettivo: in parte a breve termine, e poi verosimilmente in una seconda fase, con il trasporto nelle distinte discariche di tutti i rifiuti ordinari, di tutti i materiali ingombranti e delle macerie di demolizione. Anzitutto, però, l'eternit, il maggiore pericolo.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook