Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina, bambini sulle cataste dei falò per non farle rimuovere

Messina, bambini sulle cataste dei falò per non farle rimuovere

di

Ieri sera, fino alla mezzanotte, è proseguita l’attività di prevenzione e contrasto alle condotte illecite in tema di sicurezza urbana condotta dal gruppo interforze costituito dalla Polizia Municipale dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri.

Dopo le cataste di legna che erano state raccolte già nei giorni scorsi, il 31 dicembre sono state monitorate le zone più sensibili invitando i residenti ad astenersi dall’accensione di fuochi e cataste. In alcuni rioni i cittadini hanno provveduto a rimuovere spontaneamente il legname accumulato.

In altre, come a Fondo Fucile, Bordonaro e Mangialupi invece, si è registrata una resistenza decisa. In alcuni casi è stata addirittura sfruttata la presenza di numerosi bambini posizionati sopra le cataste per impedirne la rimozione con i bobcat e le ruspe che la MessinaServizi aveva messo a disposizione. Perciò in alcuni luoghi non  è stato possibile procedere alla bonifica delle cataste che sono state date alle fiamme nella notte. Si è comunque proceduto alla registrazione video degli autori e nei prossimi giorni si svolgerà un tavolo tecnico interforze in Prefettura.

Decisa e fruttuosa l’attività di repressione alla vendita illegale di giochi pirotecnici e botti. La Polizia Municipale ha sequestrato oltre 200 kg di materiale esplosivo tutto illegale, che veniva esposto alla vendita sulla strada. Sotto il coordinamento del commissario Giovanni Giardina passata al setaccio in lungo e largo la città tra viale Europa, piazza del Popolo, via Tommaso Cannizzaro, viale Annunziata. È statti fatto molto anche se, purtroppo, altre aree sono rimaste scoperte. Il materiale sequestrato in questi giorni verrà successivamente distrutto in un luogo sicuro.

Controlli anche nei pressi di piazza Duomo e dei locali della movida. Sono state nello specifico verificate le condizioni di chi aveva bevuto un poco di più. Per quanto riguarda le verifiche su veglioni non autorizzati e ville private, dopo gli appelli dei giorni scorsi molti si sono adeguati alle normative, altri hanno preferito desistere da eventi non in sicurezza. Tantissimi coloro che hanno deciso di trascorrere la notte lontano dalla città. Non si sono registrate particolari operazioni di polizia, salvo alcune segnalazioni in un'abitazione indipendente nei paraggi di San Saba.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook