Martedì, 16 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Laghetti di Cassibile e Riserva dello Zingaro, due salvataggi spettacolari

Laghetti di Cassibile e Riserva dello Zingaro, due salvataggi spettacolari

Allertati dalla Centrale Operativa del 118, i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano, insieme ai militari del SAGF della Guardia di Finanza e ai Vigili del Fuoco, sono intervenuti nella serata di sabato 23 luglio per il recupero di una turista, infortunatasi a causa di una caduta lungo il sentiero che conduce ai Laghetti della Riserva Naturale di Cava Grande, in territorio di Cassibile (SR).
La donna, raggiunta dalle squadre di soccorso alla fine del lungo e scosceso percorso, presentava una sospetta lussazione alla spalla sinistra e un sospetto trauma cranico. L'infortunata, dopo essere stata immobilizzata, è stata trasportata dai soccorritori del SASS, del SAGF e dei VVF mediante barella portantina fino al piazzale alla sommità della vallata, attraverso un percorso particolarmente impervio e tortuoso, dove ad attenderla c'erano i sanitari del 118, che hanno provveduto all'ospedalizzazione della malcapitata.

Intervento allo Zingaro per una turista colta da malore

Intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e dell'82° Csar dell'Aeronautica Militare nella Riserva naturale orientata dello Zingaro per una turista abruzzese colta da malore mentre percorreva il sentiero costiero. L'incidente è avvenuto intorno alle 12 quando M.I., 57 anni, originaria della provincia di Chieti, nei pressi del museo della manna si è accasciata a terra accusando fortissimi dolori agli arti inferiori. Poiché non riusciva più a muoversi, il marito ha lanciato l'allarme chiamando il Numero Unico di Emergenza 112. La centrale del 118 ha chiesto l'intervento del Soccorso Alpino che, per ridurre al minimo i rischi trattandosi di una zona impervia con temperatura proibitive, ha attivato l'Aeronautica Militare. Dall'aeroporto di Trapani Birgi è decollato un elicottero HH 139B dell'82° centro Csar che ha imbarcato due tecnici del SASS in pronta reperibilità alla base di Boccadifalco per trasportarli pochi minuti dopo sul luogo dell'incidente. Qui hanno raggiunto la donna, l'hanno imbarellata e issata a bordo con il verricello per poi trasferirla all'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani. Sul posto anche il personale della Riserva. Mercoledì scorso il Soccorso Alpino e l'Areonautica Militare erano intervenuti sempre allo Zingaro per due turiste francesi colte da malore nei pressi di Cala Marinella, la più grave per un choc anafilattico probabilmente causato da una puntura di insetto.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook