Mercoledì, 16 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Turturro porta in scena la sua prima regia di un’opera lirica: le foto del Rigoletto a Palermo

Al teatro Massimo di Palermo John Turturro ha portato in scena la sua prima regia di un’opera lirica, Rigoletto di Giuseppe Verdi. Sul podio Stefano Ranzani, in scena un cast in cui spiccava Maria Grazia Schiavo, applauditissima al debutto nel ruolo di Gilda.

Accanto a lei il Rigoletto di George Petean e il Duca di Mantova del venticinquenne Ivan Ayon Rivas, chiamato a cantare alla prima per sostituire Giorgio Berrugi, ricoverato in ospedale.

Per il debutto nella lirica Turturro ha scelto Palermo e la Sicilia – un ritorno alle origini della sua famiglia materna – e una delle opere più amate di Verdi:

«Rigoletto – dice il regista e attore americano – racchiude bellezza e amore e speranze, oscurità e luce, sacrificio ed egoismo: tutti i contrasti dei sentimenti, la ricchezza di contraddizioni che sono proprio come la vita vera. Con Francesco Frigeri abbiamo lavorato moltissimo sulle scene per avere un risultato il più possibile spoglio, privo di barocchismi, sia nell’interpretazione che nella realizzazione».

Le scene di Francesco Frigeri per Rigoletto infatti sono state interamente costruite nei laboratori di Brancaccio del Teatro Massimo; l’azione si colloca alla fine del XVIII secolo, in un palazzo rinascimentale in decadenza, così come i costumi di Marco Piemontese e le luci di Alessandro Carletti descrivono una società debosciata fisicamente e moralmente, dove gli specchi offuscati, la nebbia e i costumi di colori cupi concorrono a mettere in risalto il candore di Gilda, unico elemento di purezza, poi progressivamente macchiato dal rosso della passione e del sangue, in un paesaggio livido che ricrea le nebbie della pianura padana. A completare il team creativo Cecilia Ligorio, coordinatrice del progetto registico, Benedetto Sicca, regista collaboratore, e Giuseppe Bonanno che cura le coreografie. Lo spettacolo, dopo il debutto palermitano, viaggerà in Italia, in Cina e in Belgio: si tratta infatti di una coproduzione con il Teatro Regio di Torino, la Shaanxi Opera House e l’Opéra di Liegi.

Alla prima erano presenti i sovrintendenti di altre cinque fondazioni liriche italiane: Rosanna Purchia del San Carlo di Napoli, Carlo Fuortes dell’Opera di Roma, William Graziosi del Regio di Torino (dove Rigoletto sarà ripreso a febbraio), Fulvio Macciardi del Comunale di Bologna e Cristiano Chiarot del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

Fra i tanti intervenuti, in un teatro completamente sold out, anche i cugini di secondo grado di Turturro, venuti appositamente da Giovinazzo in Puglia.

Oggi canteranno Ruth Iniesta, che il pubblico palermitano ha già applaudito nei Puritani di Bellini ad aprile, anch’essa al debutto nel ruolo di Gilda, Stefan Pop, che tornerà presto a Palermo anche per La bohème, chiamato ad avvicendarsi ad Ayon Rivas, ed Amartuvshin Enkhbat, straordinario baritono proveniente dalla Mongolia. Completano il cast Luca Tittoto (Sparafucile), Martina Belli (Maddalena), Carlotta Vichi (Giovanna), Sergio Bologna (Monterone), Paolo Orecchia (Marullo), Massimiliano Chiarolla (Borsa), Giuseppe Toia (Ceprano), Adriana Calì (Contessa di Ceprano), Antonio Barbagallo e Gianfranco Giordano (Usciere di corte) ed Emanuela Sgarlata (Paggio). Il Coro del Teatro Massimo è diretto da Piero Monti.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook