Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Ri(e)voluzione a Palermo, sul palco canti siberiani e musica contemporanea

Ribelle per definizione, per costruzione, per assonanza. La musica in quel lontano 1968 non le mandava mai a dire. Anni di ribellioni e di nuovi linguaggi, di prese di posizione e di grandi innamoramenti. 1968: è cambiata l’Europa e dopo 50 anni si sta rischiando di cambiare di nuovo, anche perché non ci si riconosce più in quell’eredità.

Su questi ricordi, rendendoli contemporanei, si era innestata la nuova stagione di CURVA MINORE in maggio, che oggi trova un secondo capitolo da srotolare. Mantenendo il titolo RI(E)VOLUZIONE -MUSICA RIBELLE, ma aggiungendo in programma nomi come la cantante sciamanica contaminata dal jazz, Sainkho Namtchilack, l’MDI ensemble e i giovanissimi Michele Marco Rossi, Maria Merlino e Marco Marotta. Debutto siciliano per Giorgio Netti, il più radicale dei compositori di nuova generazione

Questa seconda parte della rassegna di CURVA MINORE, costruita sempre da Lelio Giannetto, inizia domani sera (domenica 21 ottobre) con il compositore ragusano Giorgio Occhipinti, e andrà avanti fino al 12 novembre, sempre allo Spazio Perriera dei Cantieri Culturali alla Zisa (via Paolo Gili 4).

CARTELLONE

Cantieri culturali alla Zisa | Sala Perriera | Via Paolo Gili, 4

21 ottobre | ore 19 | LESS OF FIVE | Giorgio Occhipinti,

28 ottobre | ore 19 | PERLE DI SICILIA | Marco Marotta e Maria Merlino

9 novembre | ore 21 | Michele Marco Rossi

9 novembre | ore 22,15 | SIO Sicilian Improvisers Orchestra

10 novembre | ore 21 | URBAN TRIBE | Sainkho Namtchilack e Mauro Tiberi

11 novembre | ore 19 | PANDORA (teatro)

12 novembre | ore 19| MDI ensemble e Giorgio Netti

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook