Domenica, 25 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Dai reperti archeologici ai conventi: i siti aperti a Catania per "Le Vie dei Tesori"

Le Vie dei Tesori, aprono a Catania 32 siti. Tutto pronto per un nuovo weekend di visite fra conventi e percorsi alla scoperta dei più importanti reperti archeologici.

Le monache benedettine di San Giuliano ad esempio salivano sul loggiato che abbracciava la cupola e si affacciava su via Crociferi e da lassù aspettavano la processione che procedeva da via Sangiuliano.

Domenica e quella successiva, soltanto dalle 10 alle 13 (turni di 20 visitatori ogni mezz’ora, solo su prenotazione www.leviedeitesori.it), sarà possibile salire alla cantoria della chiesa di San Giuliano e da lassù, sulla cupola, seguendo l’antico percorso delle religiose.

Sarà soltanto uno dei viaggi narrati de Le Vie dei Tesori – dopo il successo dello scorso weekend catanese con 3500 visitatori – che ritorna questo fine settimana ad aprire 32 luoghi della città etnea.

Chi è interessato a percorrere il camminamento sopra Porta Uzeda, può farlo sia sabato (27 ottobre) che il prossimo dalle 9.30 alle 13.

E ancora, il Museo Diocesano. Da domani, sarà possibile entrare nelle cucine e nelle dispense dell’antico monastero di San Nicolò L’Arena.

A Palermo Le Vie dei Tesori rappresenta la più grande manifestazione dedicata alla promozione del patrimonio culturale della città.

Quest’anno il Festival è inserito nelle manifestazioni a massimo richiamo turistico ed è incluso nelle manifestazioni dell’anno europeo del Patrimonio culturale e nel programma ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook