Martedì, 10 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

I Treni storici del Gusto alla scoperta della "Fiumara d'Arte" di Tusa

Un viaggio slow a bordo di locomotive, automotrici e carrozze storiche attraverso la Sicilia, per conoscere e apprezzare i territori e i paesaggi delle colture, nelle trasformazioni dettate dai tempi della natura. L’iniziativa è partita dall’Assessorato regionale al Turismo, di concerto con Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, che quest’anno prevede ben 55 tappe in tutta la Sicilia, con visite in luoghi simbolo del turismo isolano, ma anche nei comuni interni ricchi di cultura, tradizioni e bellezze paesaggistiche.

La comitiva di coloro che avranno deciso di salire sulle carrozze di un tempo di FS, partirà da Palermo in mattinata del 15 settembre e farà tappa a Castel di Tusa dove i passeggeri faranno una visita al borgo marinaro Bandiera blu e in particolare si fermeranno al museo-albergo Atelier sul Mare di Antonio Presti,  un vero e proprio museo unico al mondo nato con l’intento di offrire al visitatore-ospite l’opportunità di vivere in modo esclusivo l’opera d’arte divenendo egli stesso parte di essa, che trasforma e si trasforma a sua volta.

Entrare e sostare in questi “spazi emozionali” significa vivere una nuova dimensione dello spirito, godendo di quella gioia dell’esistere, che solo la creatività dell’arte può donare. In bus si partirà alla volta di Castel di Lucio con fermate in prossimità delle sculture monumentali di Fiumara d’Arte, il museo di arte contemporanea a cielo aperto più grande d’Europa. Le tappe toccheranno “La materia poteva non esserci” di Pietro Consagra, “Piramide - 38° Parallelo” di Mauro Staccioli, “Una curva gettata alle spalle del tempo” di Paolo Schiavocampo, “Il labirinto di Arianna” di Italo Lanfredini, e Arethusa di Piero Dorazio e Graziano Marini. La Fiumara d'Arte, conosciuta in tutto il mondo,  ha condiviso con il cuore e rispetto questo territorio in Sicilia, restituendo e rigenerando una meta internazionale turistica.

Il museo-albergo Atelier sul Mare è un museo vissuto dove si instaura un legame vero che differisce da quello che si può avere nel chiuso di una galleria d’Arte. Opere monumentali inserite nei paesaggi della Sicilia, che li arricchiscono di significato e ne sono arricchite a loro volta. È nel 1982 che viene posta la prima pietra di quello che diventerà Fiumara d'Arte. L’artista-mecenate e collezionista d'arte Antonio Presti chiama l'amico scultore Pietro Consagra per affidargli la realizzazione di un'opera. Sarà la prima delle 9 che compongono oggi l'itinerario. Come luogo preposto fu scelta la Fiumara di Tusa, l'antico alveo dove un tempo scorreva proprio il fiume Tusa. Diversi artisti hanno successivamente colto la sfida, e oggi è possibile usufruire di questo museo unico, che ha come sfondo i paesaggi della Sicilia.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook