Mercoledì, 18 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Chiesa e lavoro, la Gazzetta del Sud ospita l'annuale messa con i sindacati

Dignità umana e lavoro: un percorso culturale e spirituale che si realizza nella misura in cui ognuno riesce creare sinergie produttive a favore dell’intera comunità, abbandonando la logica individualista. È stata la Gazzetta del Sud a ospitare la celebrazione eucaristica con il mondo del lavoro, l’annuale iniziativa promossa dall’Ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro con l’Unione cristiana imprenditori dirigenti (Ucid) e la partecipazione delle associazioni di categoria datoriali, sindacali e ecclesiali della provincia di Messina (Confindustria - Cna - Confartigianato - Sadacasa - Claai - Confcommercio - Confesercenti - Confcooperative - Confimprese - Mcl - Acli - Cgil - Cisl - Uil - Ucid).

«La vicinanza del mondo del lavoro alla chiesa è un segno tangibile di promozione umana che, nel giorno della solennità di S. Giuseppe lavoratore, acclara il valore della paternità intesa come responsabilità educativa e fedeltà alla vocazione ricevuta». Così monsignor Giovanni Accolla, che ha presieduto il rito, si è rivolto ai presenti evidenziando come anche nei luoghi di lavoro «l’attenzione alla persona e alla sua dignità può diventare premessa per coltivare un percorso di spiritualità».

Tanti i giornalisti presenti e gli operatori della redazione di Gazzetta e Rtp, insieme al direttore responsabile del giornale, Alessandro Notarstefano e editoriale del gruppo Ses (Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia) Lino Morgante, il quale ha sottolineato l’importanza della presenza dell’arcivescovo in una realtà, che continua a operare per la crescita sociale e culturale della città. La realizzazione di una nuova rotativa, benedetta dal pastore al termine della celebrazione, è un ulteriore segno di speranza per il territorio messinese.

Non è mancato un appello al mondo dell’informazione, che ha una grande responsabilità educativa nei confronti della società e, per questo, deve sempre porsi l’obiettivo distinguere la verità dalle opinioni, una verità edificante e rispettosa del contesto e dei soggetti coinvolti. Al termine della messa, concelebrata dal direttore della pastorale sociale don Sergio Siracusano e da padre Pietro Scolaro, parroco della chiesa S. Nicolò di Gazzi presente con il coro, il presidente dell’Ucid Messina Carlo Maletta dopo aver ricordato l’impegno dell’Unione che “punta alla “crescita dell’imprenditoria giovanile nel nostro territorio sulla base dei valori della dottrina sociale della chiesa”, ha invitato i presenti a recitare la preghiera del lavoratore.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook