Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Canti e balli nella Cattedrale di Messina per il Convegno dei ministranti

Canti, balli e riflessioni gioiosamente condivise. La Cattedrale di Messina in festa: 400 giovani provenienti dalle parrocchie dell'arcidiocesi con i loro parroci e gli animatori si sono radunati per l'annuale Convegno dei ministranti che, dopo più di dieci anni, ha "lasciato" la storica data del 25 aprile.

Una giornata dedicata ai chierichetti che ogni domenica prestano il loro servizio all'altare durante le celebrazioni. "Come se vedessero l'invisibile" è il tema della giornata scelto dal Centro nazionale per le vocazioni. "Un giorno bello, di festa, nel quale i giovani incontrano Gesù nella gioia, nella semplicità, scegliendo di accogliere la sua amicizia", ha detto il rettore don Alessandro Lo Nardo che coordina l'iniziativa insieme ai 23 giovani del Seminario.

A mons. Accolla, che ha presieduto la celebrazione in Cattedrale con il Vescovo ausiliare, è stata donata una maglietta con il logo della giornata. "Come se vedessero l'invisibile è anche il titolo dell'inno composto e musicato per l'occasione dagli stessi seminaristi. Nel pomeriggio le attività proseguiranno nei locali del seminario arcivescovile dove si svolgerà la premiazione dei cartelloni realizzati dai gruppi dei ministranti.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook