Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

A Pachino la 16esima edizione dell'Inverdurata: il programma completo e le foto

Mercatini artigianali, showcooking, orti urbani, laboratori per i più piccoli, artisti di strada, esposizioni di auto d’epoca, ma anche convegni dedicati alla progettazione urbana della città e ai suoi prodotti tipici: la sedicesima edizione dell’Inverdurata di Pachino si annuncia particolarmente ricca di spunti per tutti coloro che vogliono scoprire Pachino, città del celebre Pomodoro IGP, ma anche luogo ricco di miti, tradizioni, folclore e tante altre eccellenze enogastronomiche.

Saranno tutte protagoniste della nuova edizione della manifestazione che mette al centro la realizzazione dei mosaici vegetali con frutta e verdura, proprio per offrire una lettura alternativa del territorio e delle sue tradizioni.

I 22 bozzetti sono già stati selezionati tra le proposte arrivate dalla commissione e saranno realizzati durante il tardo pomeriggio e la notte di venerdì 10 maggio. Tutti quest’anno avranno il tema “La Sicilia rappresentata dai manifesti in Art Nouveau”, proprio per offrire una rievocazione storica e artistica del territorio attorno allo stile Liberty. Un rito collettivo che oramai si ripete da sedici anni e che caratterizza un momento importante della storia della città.

Quest’anno l’Inverdurata sarà organizzata dall’ATS (Associazione Temporanea di Scopo) Capo Pachyni, di cui fanno parte il consorzio del Pomodoro di Pachino IGP, l’associazione turistica Pro Loco di Marzamemi, l’associazione Culturale “Inverdurata” di Pachino, l’Associazione Commercianti e artigiani di Pachino, l’Associazione Vivi Vinum Pachino, l’Associazione Strada del Vino e dei Sapori del Val di Noto, oltre ad alcune aziende private. Il programma alternerà per 3 giorni manifestazioni di vario genere e attende già numerosi visitatori che sulla pagina Fb dell’Inverdurata manifestano la propria curiosità e adesione.

 

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook