Mercoledì, 18 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

La lirica pop trionfa ad "Amici": il tenore messinese Alberto Urso incanta tutti e vince l'edizione 2019. Le foto della finale

di

«Io sono Alberto, il mio sogno lo sto vivendo ora e spero di fare musica per sempre». È cominciata così ieri sera la finale di “Amici” per il tenore messinese Alberto Urso, con tanta emozione, la musica trionfalmente “ruffiana” che emozionava e i suoi avversari accanto: Giordana Angi, Vincenzo Di Primo e Rafael Quenedit. Ragazzi come lui, artisti validi che hanno meritato la grande serata di ieri.

In apertura di puntata è intervenuto Irama, il vincitore di “Amici 2018” che, alzando in mano la coppa che è stata sua lo scorso anno, ha fatto gli auguri ai concorrenti. «Questo trofeo porta bene - ha detto - . A me ha regalato tanta fortuna, ne auguro altrettanta a ciascuno di voi».

Anche la De Filippi ha incoraggiato i ragazzi: «Spesso si sente dire che i giovani sono fannulloni e senza valori - ha scritto in un video messaggio - . Non sono d'accordo. Io ho avuto la fortuna di conoscerli ed ho imparato a non giudicarli».

In questa frase c'è tutta la chiave del suo successo fra le nuove generazioni. Poi come una mamma benevola si è avvicinata a ciascuno di loro e per tutti ha avuto parole dolci.

Molto divertente il momento con Alberto Urso: «Di te mi mancheranno tante cose - gli ha detto - . I sorrisi che mi hai dato, la tua genuinità, la tua simpatia. Ti vedevo mangiare di nascosto e poi ti tiravi la maglietta per vedere se eri ingrassato. Sei un ragazzo buono, affettuoso, ricorderò i nostri sguardi dopo le tue esibizioni, mi cercavi con gli occhi per sapere com'eri andato, io dicevo sì e tu mettevi una mano sul cuore e ti rassicuravi. Hai lavorato tanto, non devi ringraziare nessuno, solo te stesso, per il grande impegno che ci hai messo».

Poi la gara ha avuto inizio, la De Filippi svela la classifica parziale, al primo posto c'è Alberto Urso, seconda è Giordana, terzo è Vincenzo, quarto Rafael. Alberto Urso intona l'aria del “Nessun dorma” della Turandot. Brividi. Ilary Blasi, Michelle Hunziker, Alessia Marcuzzi e Silvia Toffanin sono come rapite dalla sua voce e dalla sua carica interpretativa, la voce di Alberto sale impetuosa, il pubblico applaude, la Marcuzzi canta con lui, è un tripudio, la Hunzicker si alza in piedi. «Dal vivo fai un effetto incredibile - gli dice Silvia Toffanin - . Sei di una bravura internazionale».

Dopo le prime due esibizioni la classifica non cambia, come non cambierà per tutta la sera: Alberto è sempre in testa. Alberto si esalta con “Il mare calmo della sera” di Andrea Bocelli. «Ho un debole per lui!» esclama poi Ilary Blasi. Per la Marcuzzi, nonostante faccia lirica, «Alberto è il più moderno di tutti». Lo urla, e il pubblico applaude fragorosamente: siamo tutti d'accordo!

Dopo le prime otto esibizioni la classifica del televoto è ancora uguale, ma ci pensano i giudici a creare il primo colpo di scena. Rafael, che sembrava destinato all'eliminazione, dopo i voti della commissione sale al secondo posto, Giordana trema ma è il catanese Vincenzo Di Primo a lasciare, da terzo diventa quarto e fra gli applausi dello studio esce dal programma. Rafael è il primo vincitore di categoria, quella del ballo. La gara riprende con altre esibizioni. Alberto intona due successi della musica napoletana “O surdato nnamurato” e “O sole mio”, poi cambia genere con “After love” di Park Hyo Shin. In classifica è sempre primo e accede alla finalissima. Tocca a Rafael Quenedit e a Giordana Angi dover lottare ancora. Il televoto ed i giudici premiano Giordana che prosegue la gara e torna a scontrarsi con Alberto Urso: e finirà così, cantante contro cantante.

«Mai vista una finale più combattuta di così, di altissimo livello - ha detto la De Filippi durante il programma - siete tutti bravi, ma dobbiamo eleggere un vincitore, domani le cose cambieranno ma ora Amici deve scegliere il migliore».

E il migliore sembra essere proprio lui Alberto Urso, in testa sin dall'inizio della puntata e forse anche dalla prima puntata del talent.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook