Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Yacht da favola: tutte le imbarcazioni di lusso nel messinese, c'è anche lo sceicco del PSG

Yacht da favola: tutte le imbarcazioni di lusso nel messinese, c'è anche lo sceicco del PSG

Decine di imbarcazioni di lusso stanno navigando negli ultimi giorni nelle acque antistanti le coste messinesi, facendo tappa per lo più alle isole Eolie, a Capo d' Orlando e Taormina. Andiamo a vedere nel dettaglio le principali super imbarcazioni.

Al Lusail - il megayacht da 123 metri

C’è anche l’emiro Tamim Bin Hamad al-Thani della famiglia reale del Qatar e proprietario del Paris Saint Germain (oltre che fondatore nel 1996 dell'emittente televisiva Al Jazheera) tra i turisti in visita a Salina nei giorni scorsi, accompagnato, ovviamente, dalle guardie del corpo.

Nello specchio acqueo a testimoniare la presenza della famiglia reale del Qatar il mega yacht “Al Lusail”, 123 metri e un valore di 500 milioni di euro capace di  ospitare fino a 36 persone, dotato inoltre di una palestra, ascensore, piscina, cinema, pista per elicotteri e persino un salone di bellezza.

L’emiro Tamim Bin Hamad al-Thani è fra i più giovani regnanti al mondo, è il quarto figlio dell’emiro Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani e il secondogenito della sua seconda moglie, Mozah bint Nasser Al Missned. Nato a Doha il 3 giugno del 1980, dopo aver studiato alla Sherborne School di Dorset, si è laureato all’accademia militare di Sandhurst nel Regno Unito nel 1998 ed è stato nominato principe ereditario nel 2013. Ha tre mogli da cui ha avuto otto figli. E’ uno dei promotori dei Mondiali di calcio in Qatar nel 2022, sua grande passione oltre a quella dei motori (possiede Lamborghnini, Ferrari ecc.). Ha presieduto il consiglio direttivo della Qatar Investment Authority (Qia) proprietario del Paris Saint Germain, dello storico Hotel Gallia a Milano, di molti complessi alberghieri turistici della Costa Smeralda in Sardegna, dell’ex ospedale San Raffaele di Olbia ed è sponsor del Barcellona.

Ormeggiato alle 20.00 del 23 luglio in rada a Salina 

Artefact, il superyacht di 80 metri totalmente ibrido

Lussuosissimo, sfarzoso, maestoso: Artefact è lo yacht che sta transitando nello stretto di Messina. Proveniente dal cilento e diretto a Panarea Lo yacht è a basso impatto ambientale. Con vetri specchiati e design futuristico, totalmente ibrido, ha un valore sul mercato di 150 milioni di dollari. A realizzarlo sono stati i cantieri Nobiskrug, utilizzando 740 metri quadrati di vetro, con un peso di quasi 60 tonnellate.

Il proprietario è l’imprenditore Mihal Lazaridis, già fondatore di BlackBerry. Artefact può essere totalmente silenzioso e – grazie al sistema di propulsione Azipod e a un sofisticato sistema di posizionamento – può restare fermo senza ancorare. Inoltre, essendo dotato di pannelli solari, può navigare lungamente in elettrico. Bello, ma anche buono

Ormeggiato alle 13.35 del 26 luglio al largo di Contesse (Messina)

 

S.Y. Vertigo, la super imbarcazione a vela da 67 metri

Vertigo, spettacolare yacht a vela dalle performance eccellenti. Progettato da Philippe Briand, con i suoi 67.2 m di lunghezza è il più grande yacht a vela dell’emisfero australe. Può ospitare fino a 12 persone, offre le migliori soluzioni di comfort e navigazione. Gli interni, progettati su misura dal rinomato designer francese Christian Liagre, dalle superfici lucide e tonalità naturale di nocciola, colori chiari e scuri.

Sul ponte, una spaziosissima Jacuzzi ospita fino a 10 persone, prendisole, Bimini, vetri per la protezione dal sole e dal vento.
Cinema sul ponte di poppa per un modico prezzo di noleggio di 295.000 € a settimana .
Ormeggiato alle 13.35 del 26 luglio al largo di Capo d'Orlando

 

Moskito, il nuovo charter di Heesen Yachts

Tanta efficienza e uno stile ricercato. Heesen Yachts sta varando Moskito – precedentemente conosciuto come Project Pollux – un’esclusiva versione del suo charter yacht 55M STEEL FDHF da 55 metri per 760GT sviluppato in collaborazione con i cantieri navali Van Oossaneen e Omega Architects per gli ambienti esterni. Grazie ai due motori MTU 8V 4000 M63, Moskito può raggiungere la velocità massima di 15,5 nodi, con un’autonomia di 4.5mila miglia nautiche a 13 nodi e un ridotto consumo di carburante. Dopo la consegna, Moskito partirà per il suo viaggio inaugurale dai Paesi Bassi verso Malta, attraversando 81 punti di passaggio.

Moskito

Gli Yacht della linea 55 STEEL FDHF presentano ambienti esterni spaziosi e a contatto con il mare, con ogni sezione dell’imbarcazione progettata per trasmettere senso di relax e lusso ai propri ospiti, tra cui spicca la splendida terrazza solarium con vista a 360°, jacuzzi e area pranzo al fresco. Gli interni di Mosquito, ad opera dello studio italiano Luca Dini Design & Architecture, si caratterizzano per gli ampi spazi e i materiali raffinati, che offrono ai naviganti un ambiente accogliente e sofisticato nel quale immergersi durante le traversate. Il cuore del design è costituito dalla cabina armatoriale di 82 metri quadrati, situata sul ponte principale. Moskito offre inoltre ai suoi ospiti altre cinque cabine dove pernottare – ognuna con bagno privato –  tra cui una cabina VIP, situata sul ponte di timoneria, per un totale di dieci posti letto.

Ormeggiato alle 15.43 del 26 luglio al largo di Taormina

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook