Domenica, 06 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Esercito e solidarietà a Messina, una sala dell'ex Mandalari dedicata a Francesco Currò

Esercito e solidarietà a Messina, una sala dell'ex Mandalari dedicata a Francesco Currò

È stata inaugurata a Messina, all’interno del complesso ospedaliero Ex-Mandalari dell’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Messina la sala multisensoriale per bambini affetti da disturbi dello spettro autistico.

L’iniziativa è frutto della collaborazione tra Brigata “Aosta” e Club Service Kiwanis “Messina Zancle” che hanno realizzato l’allestimento della preziosa infrastruttura con i proventi del concerto di beneficenza tenutosi lo scorso mese di dicembre al teatro Vittorio Emanuele di Messina, in cui la Banda della Brigata “Aosta”, un complesso musicale di 30 strumentisti militari, ha eseguito un vasto repertorio che ha spaziato dalle marce militari, che hanno tratteggiato la storia d'Italia, a spartiti di musica classica e a trascrizioni per banda di musica leggera.

La sala, intitolata alla memoria del Caporal Maggiore Capo Scelto Francesco Currò, militare messinese dell’Esercito caduto nel 2012 in Afghanistan, è stata inaugurata dal comandante della Brigata “Aosta” generale Bruno Pisciotta, dal presidente del Kiwanis Club “Messina Zancle dott. Giovanni Tomasello e dal direttore generale dell’ASP di Messina dott. Paolo La Paglia, con la benedizione di mons. Cesare Di Pietro, Vescovo Ausiliare di Messina.

La cerimonia, svoltasi con le previste misure di distanziamento sociale stabilite per il contenimento della pandemia da Covid-19, ha visto la presenza del Governatore nazionale del Kiwanis avv. Maura Magni, della signora Francesca Puleo, mamma del militare deceduto, e di una piccola rappresentanza di militari della Brigata Aeromobile “Friuli”, ultimo reparto di servizio di Francesco Currò, giunti per l’occasione da Forlì.

La stanza multisensoriale nasce, su spinta propulsiva del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza della citta di Messina dott. Fabio Costantino, come ambiente progettato per la stimolazione dei cinque sensi in maniera controllata. La teoria sulla quale si basa la progettazione di tale stanza va sotto il nome di Metodo “Snoezelen” e servirà a sviluppare la percezione in pazienti con disabilità intellettive. Una donazione per i bambini affetti da disabilità sostenuta dalla Brigata “Aosta” e dal Kiwanis Club “Messina Zancle”.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook